lunedì , 24 luglio 2017
Home » Focus » News » Acqua, nel teramano revocata la non potabilità

Acqua, nel teramano revocata la non potabilità

Teramo – In una nota diffusa dalla Direzione Generale dell’ASL di Teramo si avvisano i cittadini che SONO STATE REVOCATE LE LIMITAZIONI D´USO DELL´ACQUA IN RETE disposte nel pomeriggio di ieri, dal SIAN. Infatti, l´esito dei risultati analitici sui campioni d´acqua prelevati il 9.5.2017 e pervenuti oggi alle ore 1:56, risulta di conformità alla vigente normativa (D.Lgs. 31/2001 e s.m.i.).

 

L’avviso è valido per i comuni  Comuni di Alba Adriatica, Ancarano, Basciano, Bellante, Campli, Canzano, Castellalto, Castelli, Civitella del Tronto, Colledara, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Giulianova, Isola del Gran Sasso, Martinsicuro, Montorio al Vomano, Morro d’Oro, Mosciano, Nereto, Notaresco, Penna S. Andrea (Val Vomano), Pineto, Roseto, Sant’Omero, Sant’Egidio, Teramo, Torano Nuovo, Torricella Sicura (capoluogo e Bivio S. Chiara), Tortoreto e Tossicia.

 

#acqua #gransasso FORUM H2O: FINITA L’EMERGENZA, ORA TRASPARENZA

Sollievo per la conclusione dell’emergenza acqua dal Gran Sasso con i nuovi prelievi del 9 maggio dopo quelli dell’8 non conformi.

Restrizioni atto dovuto in base alla legge.

Ora recuperare sulla trasparenza, enti pubblichino tutta la documentazione dei prelievi e della corrispondenza delle ultime settimane.

Il forum H2O interviene con una nota stampa sulla vicenda della revocata potabilità dell’acqua nel teritorio teramano

«Avendo letto la scarna comunicazione della ASL pubblicata sul sito istituzionale abbiamo appreso con sollievo che le analisi sui nuovi prelievi effettuati ieri 9 maggio sono risultati conformi per cui l’acqua si può tornare a bere.

Evidenziamo che quelli non conformi erano i campioni dei prelievi dell’8 maggio, il giorno precedente. Bisogna sottolineare che i due parametri non conformi, odore e sapore, sono previsti come obbligatori dal D.lgs.31/2001 (e sono riportati anch’essi in tutti i referti di analisi delle acque in Italia) e se presentano irregolarità si devono prendere provvedimenti precauzionali di divieto o restrittivi come è avvenuto. Identici provvedimenti vengono presi normalmente in altre situazioni simili in attesa degli esami di laboratorio sugli altri parametri di legge.

A tal proposito non possiamo che chiedere con forza che siano immediatamente pubblicati tutti i referti in originale (non stringate e parziali tabelle word/excel riassuntive) con tutti i dati dei campioni dell’8 maggio risultati non conformi e dei giorni precedenti. Siano resi disponibili i referti delle analisi condotte sui campioni raccolti per l’intero territorio teramano e per l’aquilano. Tra l’altro non dovremmo neanche chiederlo visto che il Decreto sulla trasparenza dei dati ambientali, il D.lgs.195/2005, imporrebbe la pubblicazione come obbligo da 12 anni (!).

Sia pubblicata anche la corrispondenza tra gli enti delle ultime settimane.

La credibilità del sistema, anche per evitare isterie, si basa sulla trasparenza e sull’organizzazione soprattutto se si è  pienamente consapevoli delle irregolarità strutturali presenti presso le captazioni  del Gran Sasso ampiamente note ed ammesse dagli stessi enti.

In ogni caso abbiamo inviato una PEC con richiesta di accesso agli atti sia alla ASL di L’aquila sia a quella di Teramo e ai due gestori, Gran Sasso acque e Ruzzo Reti. Auspichiamo però che sia evitata l’ennesima umiliazione delle istituzioni con lo stillicidio di uscite di documenti ufficiali da noi associazioni o dalla stampa o da privati cittadini. Anche in questo caso, come per l’acqua, la prevenzione farebbe la differenza rispetto alla credibilità degli enti.»


Notice: Undefined index: tie_hide_author in /var/www/clients/client5/web26/web/wp-content/themes/sahifa02012017/single.php on line 105

Guarda anche

Hg chiude per ferie

Montesilvano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =