martedì , 19 settembre 2017
Home » Focus » Ambiente » LA RISERVA MARINA DI VASTO AFFIDATA A LEGAMBIENTE E WWF

LA RISERVA MARINA DI VASTO AFFIDATA A LEGAMBIENTE E WWF

Una svolta per l’area. Sarà valorizzata l’attività già avviata dai volontari.

Vasto – Firmato ufficialmente questa mattina il protocollo di intesa tra Comune di Vasto, Legambiente, WWF e l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP) per la gestione della Riserva Naturale Regionale Marina di Vasto istituita nel 2007.
Le due Associazioni ambientaliste e la struttura operativa dello IAAP da oggi gestiranno congiuntamente l’area protetta con la volontà di attivare e valorizzare una riserva che riveste un ruolo strategico, non solo nella tutela e conservazione dei sistemi naturali esistenti, come quelli dunali e le aree umide, ma anche per rafforzarla come attrattore di un comprensorio caratterizzato da una strategia che sposa sempre di più l’ecoturismo e che è parte della Via Verde.

Tra le finalità della gestione ci sono anche la necessità di superare le attuali criticità della fruizione dell’area, rafforzare i rapporti con gli operatori turistici locali che, oggi più di ieri, necessitano di qualità e cura ambientale e favorire e implementare le attività educative ed aggregative, valorizzando tutto quello che finora preziosi gruppi di volontari hanno già fatto per quel territorio.

L’attività svolta nella gestione della riserva – dichiarano le associazioni – sarà ispirata al principio di solidarietà sociale e alla conservazione ambientale e alla promozione di modelli di sostenibilità che valorizzano le risorse endogene e migliorano la “qualità del vivere”, in stretta correlazione con lo sviluppo e il riequilibrio dell’ecosistema cittadino. Senza mai dimenticare il fine ultimo del varo del Parco Nazionale della Costa Teatina, traguardo fondamentale per il rilancio economico, sociale e ambientale dell’intera costa dei Trabocchi.”

Guarda anche

Il WWF presenta alla Regione l’elaborazione dei dati sugli incendi 2017, da gennaio ad agosto

Aree boscate in fumo con un aumento di 46 volte rispetto all’intero 2016! Interessati in tutto 136 Comuni su 305 con rischi ambientali e per la salute dei cittadini. L’estate rovente ha favorito i roghi ma dietro ogni focolaio c’è sempre la mano dell’uomo. Serve una unica “grande opera” pubblica: mettere in sicurezza il territorio favorendo la natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 18 =