martedì , 23 ottobre 2018
Home » Focus » Cronaca » Sambuceto, ladri di scarpe denunciati

Sambuceto, ladri di scarpe denunciati

Chieti : Sono stati notati da una pattuglia di Carabinieri della Stazione di

Sambuceto mentre camminavano a piedi in via Po, nella zona industriale

di San Giovanni Teatino, dove sono presenti diversi centri commerciali

che frequentemente vengono presi di mira dai ladri.

Gli uomini dell’Arma,

impegnati in un servizio di controllo del territorio, stavano transitando

nella zona per fare un giro all’interno dei parcheggi ubicati nei pressi dei

centri commerciali dove, a volte, vengono messi a segno anche dei furti

sulle auto in sosta.
Ad insospettire i Carabinieri è stato l’atteggiamento

assunto dai due uomini, poi risultati rumeni rispettivamente di 23 e 25

anni, che alla vista dell’auto dell’Arma hanno tentato di defilarsi tra le

vetture parcheggiate. I militari li hanno seguiti e dopo averli raggiunti

li hanno fermati per effettuare un controllo. I due giovani, entrambi

domiciliati a Pescara e con precedenti di Polizia, avevano con loro una

borsa che era stata schermata internamente con della carta di alluminio.

All’interno i Carabinieri hanno recuperato tre paia di scarpe da running

che i due, poco prima, avevano rubato all’interno del negozio “Sport

Net” ubicato sempre in Via Po e poco distante dal luogo dove li avevano

fermati i militari.
La refurtiva, del valore di circa 240 euro, è stata

sequestrata e poi riconsegnata al negozio mentre per i due rumeni è

scattata una denuncia in stato di libertà con l’accusa di furto aggravato in

Guarda anche

Controlli della Guardia Costiera sulla filiera ittica nella provincia di Teramo

Giulianova - Si è appena conclusa una prima fase di controllo sulla filiera ittica da parte del personale del Nucleo Controllo Pesca della Guardia Costiera di Giulianova, incentrata in maniera mirata sui ristoranti e sugli esercizi commerciali asiatici. L’attività si ricollega a quella condotta nel corso delle passate settimane dal personale della Capitaneria di porto di Pescara, su disposizione del Centro Nazionale di Controllo Pesca del Comando Generale della Guardia Costiera di Roma. Quest’ultimo, infatti, aveva avuto notizia dell’immissione in commercio (anche nelle Provincie di Pescara, Chieti e L’Aquila) di un lotto di “uova di pesce volante congelate” (nome comune della specie di Tobiko orange, green e red), contenenti particolari coloranti per i quali sarebbe dovuta essere riportata la dicitura obbligatoria “può influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − due =