martedì , 30 Novembre 2021

Terremoto: controlli antimafia Gdf su cantieri L’Aquila

La convinzione degli investigatori e’ quella che il sistema di corruttela tra imprenditori aquilani con la ditta edile facente capo ai Di Tella legati al boss della camorra Michele Zagaria, riguardi anche altre societa’ ed altri cantieri della lunga e difficile ricostruzione post-terremoto.

L’opera di controllo degli inquirenti e’ volta a verificare se tra gli operai si fosse in qualche modo infilato il sistema di intimidazione nei riguardi delle maestranze, costrette – come ha portato a galla l’indagine che ancora non e’ conclusa – a restituire fino al 50 per cento dello stipendio mensile, regolarmente sottoscritto dalle parti. Scopo da parte dei Di Tella la creazione di fondi neri e risparmiare sulla manodopera.

I Di Tella versavano il 30 per cento degli importi agli imprenditori Elio Gizzi, ex presidente dell’Aquila Calcio, e ai fratelli Dino e Marino Serpetti, tutti e tre finiti ai domiciliari.
Con questa somma i tre imprenditori, una volta ottenute le commesse con affidamenti diretti, le cedevano, sia pure rimanendo titolari dei contratti, ai Di Tella che organizzavano e gestivano gli operai e quindi i lavori, per stessa ammissione degli imprenditori aquilani nelle intercettazioni, con puntualita’ ed efficacia.
Intanto, nel pomeriggio il Gip Giuseppe Grieco ascoltera’, per l’interrogatorio di garanzia, gli imprenditori finiti in carcere, i tre componenti della famiglia Di Tella e Michele Bianchini di Avezzano

Guarda anche

Montesilvano, un nuovo appartamento confiscato alla camorra

LE FORZE DELL’ORDINE ENTRANO NELL’APPARTAMENTO DELLA CAMORRA, IL SINDACO “A BREVE IL PASSAGGIO DELL’ALLOGGIO NEL PATRIMONIO …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 18 =