venerdì , 3 luglio 2020
Home » Focus » News » Bilancio a Montesilvano: Leo Brocchi, “La cassa non mente”

Bilancio a Montesilvano: Leo Brocchi, “La cassa non mente”

Brocchi prosegue: «La matematica non è un’opinione, ma evidentemente a Montesilvano c’è una suggestiva corrente di pensiero che ritiene il contrario.
Resta però un dato incontrovertibile che il Comune di Montesilvano non riesca ad adempiere con regolarità agli impegni di spesa assunti, come attestano senza ombra di dubbio le 3 anticipazioni di liquidità, per complessivi 10 milioni di euro, richieste negli ultimi 12 mesi, di cui la prima, di circa 3,6 milioni di euro, predisposta dalla precedente Amministrazione Di Mattia.
La cassa non mente: il Comune vive un insidioso squilibrio tra le entrate, ferme a 33 milioni di euro e le spese correnti che si attestano sui 40 milioni di euro, circostanza che incide negativamente sul regolare pagamento delle somme previste dai piani di ammortamento relativi ai 47 milioni di euro di mutui.
L’azione messa in campo sino ad oggi indica chiaramente la direzione nella quale la nostra Amministrazione si sta muovendo, quella della spending review, con significativi tagli della spesa pubblica, come ampiamente mostrato più volte, e la messa in liquidazione di onerose aziende partecipate, come la Palacongressi s.p.a., peraltro imposta dalla legge».

«Certo – prosegue Brocchi – desta preoccupazione il rischio di sforamento sull’obiettivo previsto dal Patto di Stabilità interno, che nel 2015 comporterebbe minori trasferimenti statali pari all’entità dell’eccedenza accertata. Circostanza che comprometterebbe l’equilibrio di bilancio del prossimo anno.
La preoccupazione diviene purtroppo ancora più palpabile, oggi, vista la delibera della Giunta regionale con la quale vengono assegnati spazi finanziari nell’ambito del Patto di Stabilità orizzontale per circa 662 mila euro a fronte di una nostra richiesta di 3 milioni di euro. Nonostante la complessa situazione l’Amministrazione proseguirà – conclude Brocchi – intraprendendo tutte le azioni necessarie che possano produrre un risanamento dei conti del Comune, senza condizionamento alcuno da parte di taluni opinionisti che paiono essersi avveduti di tutto eccetto che dell’ovvio».

Guarda anche

Inquinamento e Covid: Fare Verde ne parla con docenti universitari ed esperti

Teramo – Mercoledì 1 luglio, alle ore 16:00, si parlerà di inquinamento e Covid nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − 1 =