domenica , 25 Luglio 2021

Azione Civile Abruzzo: L’acqua deve essere bene comune. Basta emergenze!

Pescara “Anno nuovo, abitudini vecchie. Forse con la fine del 2021 potrebbe cessare l’emergenza sanitaria pandemica ma ci sono emergenze che appaiono ineluttabili. Tra le prime per l’Abruzzo quella idrica: anche nelle ultime settimane le province di Pescara e Chieti stanno vedendo migliaia di cittadini senz’acqua anche per giorni e settimane intere. Da Sasi ed Aca la solita litania di chiusure ed interruzioni è fiorente anche in queste settimane.”

A denunciare il disagio è Azione Civile Abruzzo – Popolo per la Costituzione e il presidente nazionale Antonio Ingroia, ex pm e oggi avvocato antimafia che ricorda come scorrendo gli anni troviamo annunci su annunci, fondi dal masterplan e dall’Europa, dal Governo e dalla Regione. Annunci di lavori, rifacimenti, ammodernamenti.
“E ogni volta i lavori annunciati saranno quelli che risolveranno i problemi ed eviteranno nuove emergenze in futuro. Ultimo di recente da parte del presidente Sasi Basterebbe, ex amministratore PD di San Vito Chietino e nelle scorse elezioni comunali vastesi mandatario della campagna elettorale del candidato (poi eletto sindaco) PD Francesco Menna. Ma finora siamo sempre rimasti allo stesso punto. O quasi. Cambia solo, in aumento, l’importo delle bollette. In questi anni, –aggiunge Azione Civile– molti e lunghi, i cittadini hanno assistito continuamente al ritorno del pescarese “partito dell’acqua” (varie volte finito al centro di scandali e inchieste giudiziarie) e a liti tra partiti di centrodestra e centrosinistra per i consigli di amministrazione. Così come accade per altri settori, come la sanità, dibattiti tra PD e centrodestra su come riempire le caselle, su cosa “spetta” all’uno e cosa all’altro. Risolti puntualmente con il più classico manuale cencelli. Ma dalla cronaca delle assemblee non pare sia mai arrivata una vera profonda e attenta discussione e riflessione sullo stato dell’arte e sulla tutela (anzi dovremmo dire ripristino) di un diritto fondamentale della cittadinanza.”

Di fronte al razionamento idrico, commenta il Movimento, alla non erogazione per tantissime ore, il cittadino rimane praticamente da solo, invitato di fatto a garantirsi tutto da solo.


Azione Civile: “L’acqua non c’è, quindi adattatevi con serbatoi e autoclavi. Come proposto di recente dalla dirigenza dell’ACA.”

Così come, davanti ad una rete vetusta che sconta perdite anche superiori al 50% in svariati tratti, il solito trito e ritrito invito ai cittadini a “risparmiare”, quasi colpevolizzando loro dell’emergenza continua, assume tratti sconcertanti.  L’acqua non è una merce qualsiasi, stiamo parlando del bene per eccellenza. Di un diritto vitale. Non di un lusso per pochi. E, in anni di crisi, impoverimento, disoccupazione crescenti chiedere – a chi già è gravato dal peso delle bollette aumentate – di accollarsi nuovi oneri non è sostenibile. Perché non tutti possono permettersi pozzi, autoclavi o altre spese similari. Senza dimenticare anziani e malati gravi. Per i quali l’acqua è ancora più necessaria, non averla è un rischio gravissimo.
Basta emergenze, basta solita vecchia politica politicante sul bene comune più prezioso e vitale. È  l’ora di una svolta immediata e che si cambi direzione: la gestione dev’essere totalmente pubblica, partecipata dalla cittadinanza e trasparente. Va superata la logica spartitoria e riconsegnata la gestione del servizio idrico integrato alla collettività. E non ai palazzi della “politica politicante”.  Aziende come la Sasi e l’Aca non devono essere più governate dai partiti e nei palazzi ma con una gestione popolare.” Conclude nella not Azione Civile Abruzzo – Popolo per la Costituzione e il presidente nazionale Antonio Ingroia, ex pm e oggi avvocato antimafia.

Guarda anche

MURAP Festival – la Street Art protagonista a Pescara con Fondazione Aria

Dal 30 luglio all’8 agosto, quattro street artist per riqualificare tre luoghi urbani della Città …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + 19 =