mercoledì , 20 giugno 2018
Home » Focus » News » Prostituzione a Montesilvano: Maragno incontra l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII

Prostituzione a Montesilvano: Maragno incontra l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII

Montesilvano : «Un primo deciso passo nella lotta alla prostituzione, vera piaga della città di Montesilvano». Lo ha dichiarato il sindaco Francesco Maragno, a margine dell’incontro che si è svolto questa mattina nella Sala Giunta di palazzo di Città, con l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi. Il sindaco ha incontrato Stefano Paoloni, responsabile territoriale Marche Abruzzo Umbria dell’associazione, Luca Fortunato e Cristiano Verziere, del servizio anti-tratta in Abruzzo.

La riunione è stata l’occasione di avviare un’interlocuzione con l’associazione, che solo nel 2013 è riuscita a salvare 400 ragazze dalla schiavitù e dallo sfruttamento alla quale erano sottoposte, al fine di combattere sinergicamente il problema che affligge la città di Montesilvano.

«La nostra Associazione – ha spiegato Luca Fortunato – scende in strada, avvicina le ragazze, cercando di instaurare un rapporto di fiducia con loro, al fine di convincerle a fuggire dalla loro condizione. Offriamo a queste donne valide alternative, dall’accoglienza nelle nostre strutture, alla loro protezione, fino a progetti che possano favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro. Per fare questo è necessaria la collaborazione con le forze dell’Ordine e le Istituzioni».
Collaborazione che gli è stata confermata in toto dal primo cittadino, il quale si farà portavoce della necessità di avviare un protocollo d’intesa che coinvolga tutte le parti. «La nostra Amministrazione – ha sottolineato Maragno – ha già dichiarato la volontà di costituirsi pare civile nei procedimenti contro lo sfruttamento della prostituzione e la riduzione in schiavitù.
Avviare questa sinergia con l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII rappresenta un altro tassello di un percorso che dovrà liberare Montesilvano da un fenomeno che rappresenta un danno per l’immagine della città e, cosa ancor più importante, una violazione dei diritti e della dignità di queste donne».

Guarda anche

Softball, l’Atoms’ Chieti vittima di un incidente stradale: ritirata la squadra di A2

Chieti. Brutte notizie per lo sport abruzzese. A un mese esatto dal grave incidente stradale …

2 Commenti

  1. Inoltre, affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  2. A prescindere dai riti woodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 12 =