martedì , 18 Giugno 2024

A Pescara la mostra “Inadeguato”

La mostra nasce in Sardegna da un’idea dell’artista Maria Jole Serreli,

ed è itinerante: è già stata ospitata a Cagliari, Sassari e Nuoro. Pescara

è la prima tappa nello stivale, a seguire sarà esposta a Bergamo, a

cura di Beppe Borrela, e Roma, a cura di Tommaso Pensa. In fase di

programmazione anche altre tappe.

“Abbiamo voluto accogliere questa mostra – ha spiegato il presidente del

Consiglio Comunale di Pescara, Antonio Blasioli – perché è una riflessione

importante a proposito dell’arte perché spesso si entra in alcuni circuiti

solo se si ha il nome o se si fa parte di certi salotti, invece l’arte andrebbe

vista nella sua interezza. L’iniziativa ci è piaciuta come Silvia ce l’ha

proposta e per i suoi contenuti”.

La mostra espone oltre un centinaio di micr@opere, tutte di 10×10 cm:

microinstallazioni, pitture sculture, mosaici, fotografie. L’inadeguato

formato, stretto e scomodo, è in linea con il senso di inadeguatezza

interiore, tema dell’esposizione. La selezione degli artisti è stata riaperta

a gennaio per arricchirsi delle opere di artisti pescaresi ed abruzzesi, che

saranno ospitati nelle esposizioni itineranti.

La mostra accoglie le realtà artistiche emergenti più interessanti del

territorio: il gruppo Futurista (Alessandro D’Aquila e Lele Picà), gli artisti

della fucina di (Con)fusioni (Federica di Castelnuovo, Massimo Desiato,

Paolo Dongu, solo per citarne alcuni), i Collettivi Pepe (Maurizio Di Zio, K

(tefano Ricciuti), Botticelli (Enzo Francesco Testa), gli artisti della Zooart

di Ortona, guidati da Gabriele Orlando Lacchè, designer (Angelo Bucci),

artisti più affermati come Luciano Di Gregorio, Andrea Malandra (Nova

Pe), Michelangelo Prencipe, o giovani talenti, quali ad esempio Natalia

D’Avena, Marco Massarotti, Stefano Faccini, Arianna Grillo.

Alla loro quarta tappa espositiva, di provenienza nazionale e sarda: il

regista Giovanni Coda (Il Rosa nudo, presentato a Pescara in occasione

della Giornata della Memoria), la cui micr@opera è un fermo immagine

dell’ultimo film in lavorazione sulla violenza di genere, Maria Jole Serreli,

Max Mazzola, Tommaso Pensa, Tiziano De Muro, Chiara Cossu, Lorella

Comi.

L’evento di inaugurazione, a partire dalle 21 di sabato 21, sarà incentrato

anch’esso sul tema dell’inadeguatezza e vivrà grazie alla collaborazione

di scrittrici e artiste di strada, Alessandra Diodoro, Lula Visus, Alessandra

Be della scuola di danza Binario 3D, la Flowers Chicas, Benedetta Cuzzi

(in arte Benny Be), che realizzeranno perfomance “inadeguate” di area,

terra, luci, fuoco. Fotografo per la serata Luciano Onza. Catering a cura di

operatori del Consorzio Pescara Vecchia.

“La mostra – ha sottolineato la promotrice della mostra, Silvia Moretta –

fa parte di un progetto nato in maniera indipendente ed ora è diventato

quasi istituzionale. È una mostra che accoglie 88 artisti che vengono

dal nostro territorio, dalla Sardegna e dalle altre regioni, quindi c’è una

partecipazione abbastanza importante.
Ci sono state più di 100 richieste

ed io ho selezionato 30 artisti. L’inadeguatezza come tema, come formato

ha il 10×10 che è un formato molto scomodo per l’artista. Noi vogliamo

andare controtendenza facendo sentire l’artista stretto e che trovi un

modo anche ironico per venirne fuori.
Abbiamo talenti sia conosciuti che

emergenti. C’è una larga partecipazione di giovani talenti che come noi

almeno una volta hanno conosciuto la sensazione dell’inadeguatezza.

L’inadeguatezza viene vissuta in maniera diversa da questi artisti. Le

opere non sono fotografabili”.

Ideato dall’artista sarda Maria Jole Serreli e curato dalla studiosa d’arte

Silvia Moretta, “Inadeguato” giunge a Pescara grazie alla collaborazione

tra le associazioni culturali “Art Meeting” di Cagliari e “Akedà” di Pescara.

l’evento è patrocinato dal Consiglio di Presidenza del Comune di Pescara,

è sponsorizzato dal Consorzio Pescara Vecchia e dall’Area Artigianato

Artistico e da Binario 3D, Jeili Artcouture. Concept della tappa pescarese

di Federica Di Castelnuovo. Grafica e immagine di Fabio Costantino Macis.

Nello spazio “adeguato” dell’Area Artigianato Artistico si terranno incontri

tra gli artisti partecipanti con il pubblico.

“Abbiamo detto che il volto di Pescara Vecchia cambiava – ha rimarcato

il presidente del Consorzio Pescara Vecchia, Cristian Summa – in questo

modo l’arte tornerà nella zona di Pescara Vecchia, torneremo con artisti

in quella parte della città.
Quindi non solo cibo e buoni cocktail, ma anche

l’arte. Vogliamo dare spazio alle idee degli artisti quando Silvia me l’ha

proposta, sono rimasto affascinato dall’idea ed è la prima tappa del

continente Italia. I nostri artisti sono presenti con un pezzo ‘inadeguato’.

Ringrazio il presidente del Consiglio Comunale che ci ha dato la possibilità

di realizzare questo progetto”.

Guarda anche

Amministrative a Montesilvano: Successo per il concerto dei Nomadi a sostegno di D’Addazio

Grosso pubblico per il concerto dei Nomadi a sostegno del candidato sindaco del centro sinistra  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *