giovedì , 29 Febbraio 2024

Amara sconfitta casalinga per il Chieti Calcio Femminile con il Palermo

Chieti. Sconfitta casalinga amara per il Chieti Calcio Femminile: al “G. Di Pietrantonio” di Lettomanoppello il Palermo vince 2-1, ma le neroverdi hanno molto da recriminare per una partita che poteva avere un risultato decisamente diverso con un po’ più di precisione sotto porta. Primo tempo equilibrato, buon ritmo in campo. Occasioni da entrambe le parti. Il Chieti con D’Intino un paio di volte va vicino al gol. Verso il 20′ Carnevale sfiora il palo. Anche il Palermo ha le sue buone chance, in particolare con Piro, brava Falcocchia ad opporsi. Nella ripresa regna ancora l’equilibrio con le due squadre che mettono in mostra un buon calcio. Il Palermo fa vedere un po’ più del Chieti dal punto di vista del gioco e della circolazione e possesso palla, ma il Chieti va più vicino al gol delle siciliane. L’equilibrio dura fino a metà tempo, ma è rotto al 26′ da un’azione corale del Palermo con Purpura, entrata da poco in campo, che supera in dribbling Di Gesualdo sulla fascia, mette in mezzo per Geraci che segna. Negli ultimi venti minuti di gara, il Chieti gioca in maniera un po’ confusionaria, ma prova in tutte le maniere a riequilibrare il match. Gissi ha la palla per il pareggio, ma purtroppo, dopo essersi involata verso la porta, non riesce a concludere. Ad un paio di minuti dalla fine arriva la rete del raddoppio del Palermo: dopo un’incertezza di Chiellini, parte il contropiede delle rosanero e la palla finisce a Dragotto che mette in rete. Il Chieti non demorde e conquista subito un calcio di punizione: batte Di Sebastiano che pesca bene Chiellini, abile a farsi perdonare l’errore precedente e a mettere dentro. Non c’è poi però troppo tempo per recuperare e dunque il Palermo condanna il Chieti ad un’ingiusta sconfitta ed opera il sorpasso in classifica: le neroverdi perdono così il terzo posto scivolando in sesta posizione, scavalcate dal Lecce Women, appunto dal Palermo e dalla Roma Calcio Femminile.
Mancano ora due giornate alla fine del campionato: il Chieti affronterà domenica prossima la Vis Mediterranea in trasferta e concluderà la stagione poi in casa con l’Independent.

Questa la formazione iniziale del Chieti contro il Palermo:

Falcocchia, Di Gesualdo, Di Sebastiano, Liberatore, Chiellini, Di Domenico, Carnevale, D’Intino, Barbarino, Passeri, Gissi.

Queste le dichiarazioni post partita di Mister Lello Di Camillo: “Abbiamo giocato una buona partita, un pareggio sarebbe stato più giusto. Dobbiamo purtroppo accettare il verdetto del campo. Questa sconfitta ci fa perdere qualche posizione in classifica. È mancata un po’ di fortuna, ma anche precisione sotto rete e questo ci ha penalizzato. La prestazione c’è stata sempre, sia contro il Palermo, sia nelle partite precedenti. Continuiamo con fiducia ad andare avanti per portare a termine il campionato e alla fine tireremo le somme. I prossimi due impegni saranno difficili come lo è stato quello con il Palermo. Non posso rimproverare nulla alle ragazze. Durante il nostro percorso abbiamo perso un po’ di giocatrici: le più piccole si stanno impegnando, l’errore però da parte loro ci può stare. Contro il Palermo, ad esempio, Di Gesualdo è stata una delle migliori in campo, ma sull’azione del primo gol si è fatta beffare, ovviamente non le possiamo fare una colpa. Serve tutto di esperienza. Non so in che posizione arriveremo, ma sono sicuramente soddisfatto di quanto le ragazze stanno dando perché comunque stiamo concludendo il campionato in modo onorevole e chi sta giocando lo sta facendo al meglio. Ci prendiamo poi ogni risultato che arriva, che sia una vittoria, un pareggio o anche una sconfitta. Se andiamo ad analizzare tutte le situazioni alle quali abbiamo dovuto far fronte quest’anno, non posso che essere contento del buon lavoro fatto dalla squadra e di trovarci ancora lì in classifica”.

Guarda anche

Atletica Abruzzo L’Aquila rilancia la staffetta 4×3 al Parco del Castello

Titoli regionali e piazzamenti nel cross giovanile a Giulianova L’Aquila – Torna anche quest’anno, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *