mercoledì , 22 Maggio 2024

Giampiero Margiovanni, giovane poeta atriano, alle prese con la sua seconda raccolta di poesie

In questa raccolta di poesie, l’Autore mette sottosopra Nietzsche e la visione della vita dionisiaca attraverso lo studio e l’analisi del mondo che lui stesso ha intorno. L’Autore osserva che oggi la vita dionisiaca perde sempre più di significato, riducendosi a essere semplicemente fine a se stessa: una vita senza obbiettivi, della quale non ci si sente parte integrante e dove qualsiasi mezzo di evasione proveniente dal “dire sì alla vita” resta solo un mero “mezzo di evasione”. Il “si” non è affermativo e non porta ad un’ulteriore profondità che possa riflettersi nell’arte e nella creazione o nel semplice piacere[…] Dalla prefazione di Marco Tabellione:
Legato ad una poesia concettuale e oggettiva, sempre alla ricerca di correlativi oggettivi che possano rilanciare il senso delle parole, quello di Margiovanni è un realismo nuovo, che mira a spostare il punto di vista sulla realtà per scoprirne altri inediti, e soprattutto scoprire significati plurimi, come accade, del resto, già a partire dal titolo di questa nuova silloge del poeta atriano, seconda alla raccolta Le punte del cerchio. Anche qui, nel titolo di questa seconda fatica, la figura ossimorica mira a ribaltare la visione del reale, per rivelarne i significati nascosti. Nella prima raccolta erano le punte impossibili del cerchio, qua è il dionisiaco, il vitalismo sfrenato del dio mitico dei greci, che si rovescia nel suo contrario, nella razionalità controllata, nel gesto logico e cerebrale. Sono le due nature dei versi di Margiovanni, apparentemente dimessi, quotidiani, controllati all’interno del cerchio protetto della logica, ma tuttavia inevitabilmente compromessi con l’universo di sogni e allucinazioni che ci portiamo dentro, nella sfera più profonda, e forse autentica, di noi. Così il dionisiaco è rovesciato, ma sempre dionisiaco resta.

Giampiero Margiovanni è nato ad Atri il 9 Aprile 1990.
Nel 2013 si laurea in Mediazione Linguistica e Comunicazione Interculturale all’Università “G. D’Annunzio” di Pescara.
Il Dionisiaco Rovesciato è la sua seconda raccolta di poesie.
Nel 2012 è tra i finalisti del Premio Penne con la sua opera prima Le punte del cerchio e si aggiudica, per due anni consecutivi (2012 e 2013), il secondo posto al Premio Giovani Autori Fondazione Pescarabruzzo.
Fa parte de Les Enfants Rouges, associazione culturale che opera maggiormente nel campo del teatro.

Guarda anche

Dal Consiglio Comunale di Spoltore il premio”Spelta Aurea”

Spoltore – Il Consiglio Comunale di Spoltore crea la “Spelta Aurea”, un premio destinato a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *