venerdì , 14 Maggio 2021

M5S: fototrappole contro le discariche abusiva

A Montesilvano le

discariche abusive aumentano sempre più, come è testimoniato anche da un articolo apparso

su un quotidiano locale Lunedì scorso, si possono trovare ormai ovunque, cumuli di rifiuti di ogni

genere buttati durante le ore notturne.
Alla fine commentano i consiglieri pentastellati l’amministrazione comunale verrà penalizzata

in tema di risorse economiche perché bonificare le aree ha costi molto alti, con il risultato che

saranno i cittadini, anche quelli virtuosi, a pagarne le conseguenze con l’inevitabile aumento dei

tributi.

Già lo scorso anno, il sindaco Di Mattia, diffuse dati allarmanti in tema di spese da parte

dell’amministrazione comunale per la bonifica delle discariche abusive. Infatti, dal 1 Gennaio al 31

Maggio del 2013, lo smaltimento dei rifiuti abbandonati nel territorio di Montesilvano è costato al

comune oltre 16 mila euro al mese, per un totale di circa 84mila euro.

«Riteniamo necessario mettere in campo tutte le forze per contrastare questo abusivismo

sempre più in crescita dovuto anche al fatto che c’è una percezione di impunità che permette

a certi individui di operare con una certa sicurezza.-commentano i consiglieri comunali grillini- Ricordiamo che l’abbandono dei rifiuti è un

reato punibile dagli articoli 255 e 256 del Codice dell’Ambiente (Dgls 152/2006) con una sanzione

amministrativa in caso venga effettuato dal singolo cittadino e con una denuncia penale nel

caso venga effettuato da aziende.
Il tipo di rifiuto che si trova nelle mini discariche abusive non
è solo quello domestico, ci sono anche rifiuti speciali (RS) come i detriti che derivano dagli scarti

delle ristrutturazioni edilizie ( macerie, guaine di plastica, eternit), rifiuti REE ( apparecchiature

elettriche ed elettroniche) e quelli ingombranti (divani, materassi e suppellettili)».

Il M5S ricorda come la passata amministrazione comunale, per contrastare

il fenomeno delle discariche abusive lungo il Saline aveva avviato una convenzione con le GEV

guardie ecologiche volontarie, della provincia ma il progetto non è mai partito.
«Peccato, -commentano i consiglieri di opposizione- perché le

GEV sono privati cittadini che svolgono volontariamente e gratuitamente un servizio per la tutela

dell’ ambiente, e sono istituiti con leggi regionali.
Sono preparati, in quanto seguono dei corsi e

svolgono un lavoro educativo promuovendo la tutela e il rispetto dell’ambiente. Molto spesso

basta osservare i rifiuti con l’occhio di un esperto per trovare un indizio che può ricondurre al

proprietario dei rifiuti, soprattutto se quest’ultimo è legato professionalmente ad un’ azienda.

Per risolvere questo problema, oltre a una massiccia campagna di informazione dei cittadini sulle

conseguenze gravi che porta l’abbandono dei rifiuti, anche per i colpevoli che verranno puniti

legalmente, il m5s propone una soluzione economica che ci viene data dalle moderne tecnologie:

le FOTOTRAPPOLE usate per catturare immagini faunistiche .
E’ un dispositivo indipendente dalle

reti elettriche, resiste agli agenti atmosferici e costano mediamente 300 euro l’una. Lo stesso

apparecchio può essere spostato in base alle esigenze, senza alcun allaccio a reti telematiche ed

elettriche, quindi si possono monitorare non solo le discariche abusive ma anche altri eventi.

La stessa tecnologia è stata usata in molti comuni con ottimi risultati, nel comune di Avezzano

sono state effettuate 58 multe da 664 euro e bonificate 26 mini discariche abusive anche con

rifiuti speciali: amianto, pneumatici, elettrodomestici e altro».

Guarda anche

ACERBO(PRC-SE): ABRUZZO ANCORA SENZA PIANO CAVE NEL RAPPORTO 2021 DI LEGAMBIENTE

Pescara – «L’Abruzzo è una delle sei regioni che non hanno ancora approvato il piano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × due =