giovedì , 23 Maggio 2024

Farmacia comunale: Di Pasquale – Girosante, il passivo è frutto di quasi un decennio e include voci in quota all’Azienda

«Fa riflettere come ieri (giovedì 12 c.m. ndr) il Sindaco Maragno, in pubblica assise, ha dimostrato di non conoscere i

bilanci della struttura, parlando di un passivo di 650 mila euro, prontamente rettificato oggi sulla

stampa dal suo vice-Sindaco De Martiniis, che, nel dire “basta alle perdite di tempo” parla invece

di 75 mila euro l’anno.
-commentano Di Pasquale e Girosante
Un passivo piuttosto quello annunciato da Maragno accumulato in circa un

decennio, dal 2005, periodo in cui questi signori a cominciare dal Sindaco e consorte, dal vice

sindaco e dal sig. Orsini (che oggi ci accusa di “continuare a mungere il latte dalle mammelle della

vacca pubblica’) erano protagonisti ai quali oggi chiediamo che cosa hanno fatto o proposto allora

per limitare le perdite».

Gli esponenti PD spiegano come a loro avviso si tratti di un passivo in cui insistono voci di costo che sarebbero da

imputare in quota parte all’azienda speciale, a cominciare dalle consulenze contabili, del lavoro,

legali e di sicurezza che incidono per un ammontare di oltre 65 mila euro.

«Senza parlare poi, del

fatto che anche le forniture di materiali parafarmaceutici all’asilo comunale non sono introitate

nelle voci in attivo in quanto non saldate dall’azienda speciale. -aggiungono Di Pasquale e Girosante- Prima di affrettarsi a deliberare

l’affidamento in gestione ad un privato sarebbe opportuno valutare le possibili alternative e non

limitarsi ad aspettare proposte dall’opposizione, che comunque sono state fornite, a cominciare da

una revisione della localizzazione del servizio».

Per Girosante e Di Pasquale il trasferimento all’interno del Distretto non è un’idea blanda e una proposta da non considerare, anche alla luce del

dato fornito in conferenza stampa dal Segretario cittadino PD circa le prestazioni erogate

annualmente dall’attuale DSB, che ammontano a oltre 18.150 poi i due commentano:

«lasciano dunque ben

intendere l’ammontare di flusso e dunque di redditività potenziale della farmacia.
Quanto detto

ieri (giovedì ndr) dunque dal nostro Sindaco è fuori luogo, perché non è possibile che un Comune proprietario

della struttura non possa avere voce in capitolo con la ASL circa la futura destinazione degli spazi.

Dire questo significa non fare scelte politiche importanti per la collettività ma limitarsi a svolgere le

funzioni di un commissario.

Infine a Orsini -concludono Girosante e Di Pasquale- che, nell’alludere sulla stampa a interessi particolari del PD,chiede di “verificare i

cognomi di coloro che sono impiegati pubblici per capire a quali passati e presenti personaggi della

politica corrispondono”, domandiamo a nostra volta di rendere noti questi nomi, di chiarire se ci

sono illeciti rispetto alle mansioni di qualcuno e se è a conoscenza della loro sussistenza, perché

non li ha denunciati in procura, avendo rivestito il ruolo di amministratore».

Guarda anche

MARINELLI (PD) CRITICO VERSO LE ASL, “IN ABRUZZO E’ PROFONDO ROSSO”

Pescara – Daniele Marinelli, segretario regionale del PD Abruzzo, conuna breve nota mette in luce …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *