martedì , 2 Marzo 2021

Il Pescara torna al successo: Entella battuta 2-0

Pescara. Con un gol per tempo il Pescara all’Adriatico regola 2-0 la Virtus Entella. Vittoria sostanzialmente meritata con i biancazzurri che hanno tenuto il pallino del gioco per buona parte dell’incontra ed i liguri che non sono stati mai veramente pericolosi. Il Delfino riscatta così il ko di Brescia, mentre la Virtus Entella interrompe la serie utile di ben dodici match consecutivi senza subire sconfitte.

Nel Pescara out Fornasier, Campagnaro, Torreira e Cappelluzzo, rientrato Fiorillo. Nell’Entella assente Sestu per un affaticamento. All’Adriatico si rivedono gli ex Cutolo, Jadid e Sforzini. Tra i liguri schierato un abruzzese, il portiere Iacobucci.

 

La cronaca

Al 9’ Fiorillo esce in anticipo si Caputo lanciato a rete. Al 12’ Lapadula riceve un appoggio dalla destra, la sua buona conclusione è bloccata da Iacobucci. Al 18’ una conclusione di Benali da poco fuori area è parata in due tempi dall’estremo ospite. Al 21’ Crescenzi dalla sinistra mette in mezzo, incornata di Cocco che manda sul fondo. Al 24’ ci prova Caprari da posizione centrale, ma il suo tentativo è telefonato, blocca senza problemi Iacobucci. 31’ Cocco riceve un traversone di Crescenzi e di testa centra il palo, sulla ribattuta Lapadula va in rete ma di mano, ovviamente rete non convalidata e ammonizione per il numero 10 biancazzurro. È il preludio del vantaggio dei padroni di casa che arriva al 33’ arriva il vantaggio del Pescara: sugli sviluppi di un angolo battuto sula destra, il primo per il Delfino, tocco sottomisura di capitan Memushaj che insacca.

Nella ripresa al 9’ Zampano mette in mezzo per la testa di Lapadula che non centra lo specchio della porta. Al 14’ Memushaj per Lapadula che manda a lato. Al 22’ Benali appoggia per Crescenzi che mete in mezzo, dopo un rimpallo una pericolosa conclusione di Memushaj termina sul fondo. 1’ dopo Cocco riceve un suggerimento di Lapadula e da ottima posizione di prima manda a lato. Al 28’ punizione di Lapadula prima sporcata dalla barriera e poi deviata in angolo da Lapadula. Al 35’ Lapadula da distanza ravvicinata si fa ribattere la conclusione con i piedi da Iacobucci, sulla respinta manda fuori. Al 41’ il raddoppio del Pescara: Bruno serve in verticale Lapadula che con un gran gesto tecnico elude l’intervento di Iacobucci mandando la sfera in rete. Al 43’ ancora Pescara in avanti con Verre che disegna un corridoio per Cocco che a tu per tu con il portiere spara clamorosamente alto. Al 47’ una conclusione di Verre dalla distanza viene respinta in angolo dall’estremo ligure.

I commenti dei due tecnici

Massimo Oddo (allenatore Pescara): “Ho sentito parlare di crisi, di momento di difficoltà. Noi abbiamo perso una partita fuori casa a Brescia, neanche così male perché nel secondo tempo abbiamo giocato anche un’ottima partita, con degli errori sicuramente, ma questa squadra c’è sempre stata, con lo Spezia abbiamo fatto una delle migliori partite dell’anno, al di la del risultato secondo me è stata una grandissima partita. Ci sono delle difficoltà che secondo me sono ricorrenti dall’inizio dell’anno, ad esempio di raccogliere poco fuori casa. La crisi secondo me inizia quando c’è qualcosa di nuovo che non ci consente di andare avanti, invece i nostri limiti sono sempre gli stessi, ci stiamo lavorando ma abbiamo sempre risposto sul campo. Lavorare in questo ambiente per i ragazzi non è facile, nel senso buono. Quando dopo le partite precedenti giochi come oggi io tutta questa crisi non la vedo. Non ci siamo buttati giù dopo prestazioni negative e non ci esaltiamo neanche adesso. Quello che abbiamo fatto noi oggi è quello che abbiamo sempre fatto. A Brescia e Cesena si sono manifestati i nostri limiti che ci sono sempre stati. Dobbiamo iniziare a raccogliere qualche punto fuori casa dove dobbiamo avere un po’ più di personalità e giocare come facciamo in casa, questo è quello che cerco di trasmettere alla squadra. Cerchiamo sempre di fare la partita, nella mia testa c’è sempre il fatto di accompagnare nel momento in cui si attacca. Tranne Ascoli e Bari non abbiamo mai fatto prestazioni come quelle che facciamo in casa. Alla squadra chiedo sempre le stesse cose, è un problema di fiducia e di personalità. Nel momento in cui avremo la fortuna di fare qualche risultato in più fuori casa magari anche i ragazzi prenderanno questa convinzione. Il messaggio che faccio passare ai ragazzi è che noi dobbiamo essere sempre gli stessi sa in casa che fuori, poi è ovvio che ci sono delle squadre che mentalmente in casa sono più agguerrite e fuori lo sono di meno, quindi dipende anche dagli altri”.

Alfredo Aglietti (allenatore Virtus Entella): “Oggi più che altro abbiamo sofferto il palleggio del Pescara, non siamo riusciti ad accorciarli in mezzo al campo, ci hanno fatto correre tanto a vuoto e poi alla fine abbiamo perso. Sicuramente siamo partiti meglio noi, abbiamo avuto un po’ di situazioni che potevamo sfruttare meglio, poi siamo un po’ calati complice il fatto che non siamo riusciti ad accorciarli. Il gol è nato da una nostra disattenzione perché hanno battuto un calcio d’angolo velocemente, abbiamo perso le marcature, ma il Pescara in quel momento lì stava premendo e lo stava facendo forte e ci ha messi in difficoltà. Si interrompe la nostra striscia di risultati utili, niente drammi, andiamo avanti, cerchiamo di riprenderci, il nostro campionato sarà di sofferenza fino alla fine. Oggi abbiamo concesso un po’ troppo agli avversari rispetto a come siamo abituati a fare. La partita non si è giocata su grandi ritmi, ma quando li abbiamo alzati, per poco tempo, li abbiamo messi in difficoltà. Poi il palleggio e la maggiore bravura tecnica del Pescara hanno avuto il sopravvento. Noi mettiamo le nostre armi, oggi potevamo fare meglio, ma sicuramente è stato anche merito del Pescara. avevamo impostato la partita in un certo modo, conosciamo la qualità loro, dei loro centrocampisti, cercavamo di impedire il loro gioco, purtroppo lasciando qualcosa alla qualità. Fin quando lo abbiamo fatto questo gioco ha pagato, ma è durato troppo poco. Loro poi hanno preso coraggio, noi abbiamo perso le distanze in campo e non siamo stati più capaci di ripartire. Il Pescara? poche squadre hanno fatto punti qui, la settimana scorsa lo Spezia ha pareggiato al 90’ su calcio di rigore, la Ternana ha vinto, per il resto qui hanno perso tutti, dal Cagliari al Crotone. Il Pescara in casa è un rullo compressore, lo sapevamo. Noi abbiamo puntato a fare la nostra partita, non è facile contro un Pescara che ha giocatori di grande qualità. Sicuramente potevamo metterli in difficoltà nel momento in cui avevamo la possibilità, non siamo stati bravi a sfruttare il campo che ci concedevano loro. Le situazioni si sono create ma non siamo stati bravi a concretizzarle, ci è mancato l’ultimo passaggio, la rifinitura. Poi nel momento in cui loro hanno fatto il secondo gol è diventato tutto più difficile. Quest’anno il campionato è livellato verso l’alto, c’è grande equilibrio, ogni partita è difficile, ogni settimana è un terno al lotto, possono vincere tutte. Poi ci sono i valori che alla fine vengono fuori come Cagliari e Bari, gli stessi Perugia e Pescara che verranno fuori alla lunga. La vera sorpresa il Crotone. In classifica siamo tutti vicini”.

 

PESCARA ENTELLA FOTO GALLERY

 

 

Tabellino Pescara (4-3-1-2): Fiorillo), Zampano, Zuparic, Bunoza (26’ st Fiamozzi), Crescenzi, Benali (39’ st Verre), Bruno, Memushaj, Caprari (20’ st Selasi), Lapadula, Cocco A disposizione: Artesti, Sansovini, Mandragora, Valoti, Mitrita. Forte Allenatore: Oddo Virtus Entella (4-3-1-2): Iacobucci, Belli, Ceccarelli, Pellizzer, Keita, Palermo (27’ st Sforzini), Volpe (16’ Jadid), Troiano, Costa, Cutolo, Caputo (44’ st Masucci) A disposizione: Paroni, Gerli, Zanon, Fazzi, Iacoponi, Petkovic Allenatore: Aglietti Arbitro: Martinelli (sezione di Roma 2) Assistenti: Bottegoni (sezione di Terni) e Prenna (sezione di Molfetta) IV Uomo: Abbattista (sezione di Molfetta) Marcatori: 33’ pt Memushaj, 41’ st Lapadula Ammoniti: Bunoza, Lapadula, Bruno, Memushaj (P) Cutolo, Pellizzer, Palermo (VE) Espulsi: nessuno Note: recupero 1’ pt 3’ st, angoli 7-5 per il Pescara

 

Guarda anche

Altro gol nel finale: la Tombesi non va oltre il pari

Finisce 3-3 contro il Lucrezia, in una gara segnata dagli infortuni (Fabiano e Dell’Oso) e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + quindici =