domenica , 19 novembre 2017
Home » Passioni » Food » Campli, Sagra della Porchetta: vince Nicolino Mercurii

Campli, Sagra della Porchetta: vince Nicolino Mercurii

Campli

Martedì 22 agosto 2017, si è tenuta con grande successo l’ultima giornata della 46^ Sagra della Porchetta Italica di Campli, con la premiazione finale tenutasi in Piazza Vittorio Emanuele II. La coppa del primo classificato è andata per il terzo anno consecutivo a Nicolino Mercurii di Colledara, riconfermato il gusto più apprezzato dal palato degli amanti della porchetta, seguito da Massimo Fagioli di Campli e Raffaele Venditti di Luco dei Marsi. Il premio speciale della giuria è andato a pari merito a Luciano Bosica di Teramo e Massimo Fagioli, che hanno ricevuto in premio il “Sigillo del Guerriero” originale creazione Formeoro del Maestro d’arte applicata in metalli e oreficeria camplese Massimo D’Amario, dedicata al territorio camplese.

120.000 persone hanno riconfermato Campli come la più amata dal pubblico. Un altro dato che dimostra quanto questo evento sia oramai affermato e diffuso è la forte affluenza da zone anche lontane dal comprensorio teramano, ne è la conferma il forte richiamo anche dalle zone di Pescara, Chieti e dalla regione Marche, con maggiore accento dalle provincie di Ascoli Piceno e Macerata.

Valore aggiunto durante i giorni della manifestazione è stata la presentazione di un libro ogni sera e l’intitolazione dell’ufficio turistico al compianto Giammario Sgattoni, nel decennale della sua scomparsa.

Oltre che a riempire le piazze di Campli le persone hanno dimostrato il loro gradimento riempiendo gli spazi del web. A conferma la pagina social Facebook ha registrato un aumento enorme di fan e sul sito, solo negli ultimi 15 giorni, si sono raggiunti più di 25.000 click.

Guarda anche

Il Pescara supera 3-1 la Pro Vercelli

Pescara. Torna al successo il Pescara che all’Adriatico supera la Pro Vercelli 3-1 grazie ad una doppietta di Pettinari e ad un gol di Capone, per i piemontesi il gol della bandiera è stato siglato da Morra, entrato qualche minuto prima. Successo nel complesso meritato con i biancazzurri che hanno creato gioco e diverse occasioni concedendo solo alcuni break agli avversari. Affermazione importante che serve al Delfino per respirare in classifica. È la prima volta in stagione che gli adriatici guadagnano i tre punti senza di fatto soffrire. Zeman ha dovuto rinunciare ancora una volta a Bovo, Campagnaro, Balzano, Proietti e Selasi, sono invece rientrati Coda, Benali e Capone. Invece Grassadonia ha dovuto fare a meno di Vives e Mammarella, entrambi squalificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × quattro =