martedì , 20 agosto 2019
Home » Focus » News » Siccità: la Regione chiede lo stato di emergenza per l’area del Vastese

Siccità: la Regione chiede lo stato di emergenza per l’area del Vastese

Pescara – La Regione Abruzzo ha presentato la richiesta di dichiarazione di stato di emergenza a seguito della siccità che sta colpendo il territorio del Vastese a causa della grave carenza idrico-potabile. Lo ha deliberato la Giunta regionale dopo le criticità registrate nelle ultime settimane e che stanno mettendo in ginocchio alcune aree dell’Ambito chietino. Nella stessa delibera è stato ratificato anche il decreto del presidente della Giunta regionale n. 49 del 25 agosto 2017, con il quale sono stati assunti alcuni provvedimenti di natura emergenziale attivati nell’area del Sangro e del Vastese.

In particolare, fino alla data del 30 settembre, è stato autorizzato il prelievo dal fiume Trigno, mediante la traversa in località Pietrafracida, nel Comune di Lentella (Ch), dell’acqua da convogliare nell’impianto di potabilizzazione del Comune di San Salvo e di consentire, fino al 30 settembre, ove non risultasse disponibile l’acqua del fiume Trigno, l’utilizzo, da parte dell’Arap, dell’acqua per uso potabile dai punti di prelievo del Consorzio di Bonifica Sud del Comune di Mozzagrogna, da trasportare mediante l’utilizzo di autobotti fino allo stabilimento Pilkington di San Salvo.
Nella stessa delibera regionale viene precisato, inoltre, che le autorizzazioni ai prelievi di emergenza per consumo umano vengono rilasciate all’acquisizione dei certificati sanitari per l’utilizzazione dell’acqua ad uso potabile, rilasciate dal servizio igiene alimenti e nutrizione dell’Asl competente e con l’obbligo che le acque all’uscita del potabilizzatore devono presentare i requisiti rispondenti a quelli previsti dell’allegato I del D.lgs n. 31/2001. “Abbiamo chiesto lo stato d’emergenza – sottolinea l’assessore Silvio Paolucci – per far fronte alla situazione che si sta verificando in conseguenza delle condizioni climatiche degli ultimi mesi. Peraltro, l’assenza di precipitazione ha fatto aggravare la situazione.
A ciò si sono aggiunte le elevate temperature estive e questo ha portato a una situazione difficile soprattutto nell’area del Vastese e del Sangro dove la crisi idrica ha messo in ginocchio il territorio”. Lo stato di emergenza, laddove venisse deliberato dal Consiglio dei Ministri, ha una durata massima di sei mesi rinnovabile una sola volta e consente l’assegnazione di fondi destinati unicamente all’approvvigionamento idropotabile nelle aree critiche individuate dalla Regione.

Guarda anche

Gruppo Pd: grandinata, la regione provveda con fondi propri alla messa in sicurezza d’urgenza delle opere pubbliche danneggiate

 “La fortissima grandinata, seguita da un evento temporalesco senza precedenti, che ha interessato nella giornata del 10 luglio ampie zone della  nella nostra regione, ha messo in ginocchio le aree costiere, da Pescara a Montesilvano fino a Francavilla, tutta la costa dei trabocchi fino a Vasto, ma anche la costa teramana e troppi Comuni dell’entroterra. La Regione Abruzzo si è attivata per la richiesta dello stato di emergenza, ma oggi vogliamo fare un appello al Presidente Marsilio : la Regione provveda subito, con fondi propri, a dotare di fondi i Comuni maggiormente colpiti per la messa in sicurezza d’urgenza delle opere pubbliche danneggiate, come già avvenuto in passato in altre occasioni simili”. Con queste parole gli esponenti del gruppo Pd Silvio Paolucci (capogruppo), Antonio Blasioli e Dino Pepe, intervengono per chiedere al governo regionale di stanziare subito la somma necessaria per sistemare le infrastrutture pubbliche danneggiate dal maltempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × due =