giovedì , 3 Dicembre 2020

Tombesi, al Palazzetto di Ortona arriva il fanalino di coda Futsal Ruvo

Ortona. Se i confronti diretti e le sfide d’alta classifica hanno il potere di motivare naturalmente le squadre impegnate, senza alcuno sforzo o esercizio mentale, assai diverso è il caso del più classico degli scontri “testa-coda”, quando cioè la capolista affronta, per di più sul proprio campo, l’ultima in classifica. Ma la Tombesi sa che vincere contro il Ruvo è di fondamentale importanza: per la classifica, per non rendere vana l’impresa di Pratola di sette giorni fa e per presentarsi al meglio a un mese di dicembre “di fuoco”, quando invece non mancheranno scontri diretti, trasferte insidiose e decisive gare di coppa.

“Siamo consapevoli che a dicembre ci aspettano partite difficili e ravvicinate – queste le parole di mister Andrea Di Buono, preparatore dei portieri – ma sono certo che arriveremo pronti ad affrontarle. La Tombesi ha già dimostrato, in partite come quella di Campobasso in coppa contro il Cus Molise o anche nelle sfide di campionato a Canosa e in casa contro il Giovinazzo, di sapersela vedere contro avversari quotati, strappando anche l’intera posta in palio. Le gare contro Manfredonia e Cassano in campionato e quelle contro Sagittario e Barletta nelle due coppe sono appuntamenti importanti, snodi della stagione che, se non saranno già decisivi, comunque potranno emettere i primi verdetti. Contro Ruvo sono tranquillo sul fatto che i ragazzi scenderanno in campo concentrati e non commetteranno l’errore di sottovalutare l’impegno. Per quanto riguarda il mio lavoro personale, sono molto contento di avere a disposizione quattro ragazzi seri e professionali come quelli che ho la possibilità di allenare quest’anno ad Ortona. Non credo ci sia da aggiungere molto a quello che tutti già sappiamo di Dario Dell’Oso e della sua bravura, così come tutti siamo consapevoli delle qualità e dei margini di crescita di Daniele Trusgnach, che ha recentemente debuttato sia in campionato che in coppa. Voglio qui però spendere due parole anche su Lorenzo Lemma e Mirko D’Angelo, che finora non sono stati convocati dal mister per le partite ufficiali ma continuano a lavorare con serietà tutti i giorni, contribuendo al lavoro quotidiano della squadra e alla sua crescita. Purtroppo sono in tanti nel ruolo, ma spero che per tutti sia questo un anno di crescita e di soddisfazione personale. La mia attività all’interno dello staff tecnico è resa più facile dal rapporto che ormai da vent’anni mi lega a mister Massimo Morena. Era il 1998 quando ci siamo affrontati per la prima volta da avversari, e nel 2007 abbiamo lavorato per la prima volta insieme a Lanciano. Poi, dopo vari giri, ci siamo ritrovati entrambi qui ad Ortona, abbiamo gioito insieme per la promozione dalla serie C e speriamo quest’anno di vivere insieme un altro grande sogno sportivo”.

Guarda anche

Pescara, esonerato Massimo Oddo

Pescara. La Delfino Pescara 1936 comunica di aver sollevato dall’incarico l’allenatore della Prima Squadra Massimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − otto =