martedì , 2 Marzo 2021

Francavilla, inaugurazione per il nuovo Palazzo Sirena VIDEO

Il Palazzo Sirena, che ha ottenuto pochi giorni fa l’agibilità all’esito della Commissione Pubblico Spettacolo comunale, ospita al piano terra una Sala Ovale dedicata all’accoglienza ed utilizzabile come polo espositivo per mostre ed eventi culturali. Al piano di sopra si trova il nuovo Auditorium, ristrutturato lo scorso anno grazie ad un massiccio intervento di riqualificazione che porta la firma dell’architetto Marcello Borrone, voluto dall’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Antonio Luciani. Un palco con le quinte, un sistema di illuminazione e di acustica ad hoc per gli eventi e 274 posti a disposizione per il pubblico. Cinema, convegni, teatro e musica sono le quattro dimensioni che l’Auditorium potrà ospitare.
“Intanto è un momento storico per questa città – ha sottolineato il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani – bisogna dire che questo Palazzo ha ottenuto l’agibilità dopo 27 anni dalla sua costruzione. È un momento storico perché da poco è stato riconosciuto il suo elevato valore architettonico e artistico ed è stato riconosciuto il diritto d’autore agli architetti che lo hanno progettato e realizzato che sono Ricci, Borrone e Moccia. Quindi è un momento veramente bello per questa città perché segna la rinascita del centro cittadino, è vero che va ancora ristrutturata e ripensata piazza Sirena, ma è anche vero che questa struttura è in grado di ricevere con i suoi 270 posti a sedere, 4 per i diversamente abili, tante persone per diverse volte l’anno. Questo significa economia, ridare linfa vitale ai ristoranti, ai bar, ai negozi che ci sono nel centro cittadino e a tutta Francavilla, significa rimettere a posto una struttura che da sola potrà far svoltare la nostra città. L’Auditorium è stato ristrutturato al suo interno, come sostiene l’architetto Borrone, sono stati presi in considerazione sia l’aspetto fonico per la resa della musica, sia per quanto riguarda un rinnovamento completo degli impianti a partire dalle luci, le quinte e così via. Quindi una struttura che oggi è nuova, è moderna e potrà essere utilizzata per tanti scopi. È già pronta una stagione artistica, il primo appuntamento è il 4 gennaio, ci sono tanti spettacoli di Teatro, di Cinema, di Musica, ovviamente saranno serate a pagamento perché una struttura che accoglie 270 posti come questa deve anche sopravvivere nella piazza, però io sono convinto che troveremo sempre una sala stracolma di persone”.
Per la prima volta dalla costruzione dell’ampliamento, negli anni ‘90, Palazzo Sirena ha il suo certificato di agibilità. Ma non solo, l’opera che a suo tempo venne progettata dagli architetti Raffaele Conti, Mosé Ricci ed Amelia Moccia, ha ottenuto di recente con decreto del Mibact il riconoscimento di opera “dall’importante carattere artistico”. Questo vuol dire che la città possiede un’opera d’arte, oggi ancor più valorizzata dopo la riduzione dei volumi, ed un domani vero e proprio gioiello quando la piazza verrà anch’essa completamente rinnovata. Già, perché oltre all’aspetto della cultura vi è quello della riqualificazione del centro cittadino della marina, vera ed immediata prerogativa nelle idee di questa amministrazione”. Gli architetti Conti, Moccia e Ricci riceveranno nel corso dell’inaugurazione un riconoscimento come ringraziamento della città per l’opera progettata.
“Abbiamo lavorato due anni per un adeguamento normativo per il miglioramento della funzionalità – ha spiegato l’architetto Marcello Borrone – con l’adeguamento normativo, tra le altre cose, è stato ottenuto il certificato per la prevenzione incendi, cosa che questa struttura non aveva mai ottenuto. Abbiamo fatto una serie ragionata di interventi di messa a norma, poi abbiamo lavorato per rendere la struttura fruibile su alcuni elementi significativi: la riduzione del numero di sedie che ci ha consentito di allargare il palco con lo spazio scenico che consentirà una flessibilità d’uso del palcoscenico che potrà ospitare convegni, cinematografia, Teatro e Laboratori. Abbiamo fatto degli interventi sul sistema elettrico in modo che rispettasse l’ambiente e che ci fosse una gradualità luminosa a seconda del tipo di manifestazione. Poi abbiamo lavorato sull’acustica con intonaco e pannelli fonoassorbenti, questo è un elemento importante anche per le orecchie più fini che frequentano questo posto. Una particolarità funzionale è che le poltrone sono colorate tutte in maniera diversa per auspicare che con l’Auditorium, finalmente reso pubblico e frequentabile, il Cenacolo Michettiano”.
Il Palazzo Sirena resterà aperto sin da subito per gli eventi natalizi, la stagione teatrale partirà il 4 gennaio prossimo, alle ore 21, con la commedia “Sette vizi napoletani”, con Gianfranco Gallo e Massimiliano Gallo (a cura di Arturo Scognamiglio). La biglietteria resterà aperta dal martedì alla domenica dalle 17 alle 20 nel foyer del Palazzo (Sala Ovale). E’ possibile acquistare i biglietti attraverso il circuito LiveTicket.it. Durante la serata che ha inizio alle 18, per dare dimostrazione delle potenzialità acustiche dell’Auditorium, sarà presente il pianista Paolo Di Sabatino che si esibirà con il maestro Davide Cavuti. A grande sorpresa il testimonial della serata di inaugurazione del Palazzo Sirena sarà l’attore Michele Placido.
“Anni fa è iniziato un percorso con questa amministrazione con appunto Luciani a sindaco – ha ricordato il vicepresidente del Consiglio Regionale, Lucrezio Paolini – e dalle parole veramente si è passati ai fatti. Oggi se siamo qui è grazie alla determinazione di giovani e meno giovani che sono stati pronti a cogliere quelle che erano le progettualità, le idee di Antonio, le hanno coltivate e grazie al lavoro di grande competenze come l’architetto Marcello Borrone siamo arrivati a questo punto. C’è stato un salto, si è passati dalle parole ai fatti come non si era mai stati in grado di fare negli ultimi anni, anche io ho condiviso l’attività amministrativa di questa amministrazione da quando è subentrata, dal 2003 c’è stato un cambio di passo notevole, questo è il risultato e sono convinto che tutti i cittadini sapranno veramente godere delle potenzialità e della fruibilità di questa struttura al di la di ogni polemica. Questa amministrazione ha dimostrato di essere disposta ad assumersi grandi responsabilità pur di portare ai cittadini una struttura che farà veramente del bene. Se solo riuscissimo ad utilizzare questa struttura per cento giorni all’anno, com’è nell’idea del progetto, nel centro di Francavilla torneranno decine di migiaia di persone e si darà nuovo impulso all’economia cittadina”.

Guarda anche

COVID 19: SOSPESA L’ATTIVITÀ’ SCOLASTICA IN PRESENZA NELLE SCUOLE DI PENNE

Penne – «A seguito dell’aumento dei contagi registrati sul territorio comunale tra la popolazione e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 13 =