domenica , 17 febbraio 2019
Home » Culture » Cultura » Pescara, presentato l’evento Cultural Heritage for All VIDEO

Pescara, presentato l’evento Cultural Heritage for All VIDEO

Pescara. Il 2018 è l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. Il Design for All offre un approccio formidabile per liberare il potenziale dell’Europa attraverso il suo patrimonio culturale: mettendo la gente al centro di ogni processo progettuale, è possibile creare valore economico e allo stesso tempo rafforzare la coesione sociale. Le associazioni EIDD-Design for All Europe, …

Pescara. Il 2018 è l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. Il Design for All offre un approccio formidabile per liberare il potenziale dell’Europa attraverso il suo patrimonio culturale: mettendo la gente al centro di ogni processo progettuale, è possibile creare valore economico e allo stesso tempo rafforzare la coesione sociale.
Le associazioni EIDD-Design for All Europe, Design for All Italia e l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara hanno il piacere di annunciare l’evento internazionale “Cultural Heritage for All”, che si svolgerà a Pescara (Italia) il 28 e 29 Novembre 2018. L’idea dell’evento è individuare, attraverso l’approccio DfA, dei punti di convergenza tra settori economico-culturali diversi, per favorire un effetto moltiplicatore di valorizzazione e di attrattività delle risorse culturali, sia tangibili ed intangibili, che ambientali, che contribuiscono a definire le multiformi identità dei contesti locali.
“Il 2018 è l’anno europeo del patrimonio culturale – ha ricordato l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara, Giovanni Di Iacovo – e anche Pescara come città moderna vuole aprirsi al nuovo, amare il suo patrimonio culturale e andare a guardare verso l’Europa ed esserne parte organizzando con EIDD-Design for All e l’Università D’Annunzio dellel giornate molto importanti all’Aurum in cui il patrimonio culturale del nostro Paese, della nostra città e della nostra regione sarà analizzato dal punto di vista del patrimonio culturale tangibile, cioè i Musei, le opere d’arte, i monumenti, e quello intengibile ossia le tradizioni, le ritualità, le leggende, i racconti di cui la nostra terra è molto ricca. E poi c’è il patrimonio ambientale, cioè cerchiamo di esplorare da ogni punto di vista la ricchezza vera del cuore della nostra regione e della nostra città che è la cultura in tutti i suoi aspetti”.
Perché partecipare. In Europa si afferma una nuova generazione di politiche culturali, più inclusive e sostenibili, che puntano a farne un laboratorio di sperimentazione e di innovazione, in cui il design assume un ruolo centrale. In questo contesto, il Design for All (DfA) rappresenta una delle leve strategiche più importanti per rispondere, attraverso la valorizzazione della diversità umana, alle esigenze d’innovazione che emergono dal sistema economico-produttivo e socio-culturale europeo, nel quale Il patrimonio culturale minore rappresenta un formidabile catalizzatore per il rilancio competitivo e la crescita economica dei territori e delle comunità. L’evento “Cultural Heritage for All”, articolato su tre modalità (convegno/dibattito, mostre e workshops), è strutturato rispetto ad una doppia finalità: scientifica ed applicativa. Sono invitati a partecipare: le università, gli enti pubblici, le istituzioni culturali, gli stakeholder della cultura e del turismo (decisori, operatori economici e culturali, imprenditori HoReCa), i progettisti, i referenti delle associazioni di categoria, i partenariati della ricerca e della formazione.
L’evento. L’evento “Cultural Heritage or All”, è articolato su tre modalità (convegno/dibattito, mostr, workshop). Il convegno internazionale dal titolo “Cultural Heritage for All”, che si svolgerà nella giornata del 28 novembre, sarà articolato su tre sessioni tematiche: patrimonio tangibile: monumenti, moda, opere d’arte, libri, città storiche, siti archeologici;artigianato artistico, ecc. Patrimonio intangibile: rappresentazioni, espressioni, spettacoli, tradizioni, conoscenze, competenze, ecc. Patrimonio naturale: paesaggi, aree naturali, flora, fauna, ecc. Ogni sessione prevede un Keynote speech, alcune Best practices, e si conclude con un confronto dialogico tra due personalità del mondo culturale, politico o imprenditoriale, per individuare possibili contaminazioni tra settori economici ed ambiti culturali diversi, ponendo al centro la diversità umana e le sfide dell’inclusione. Esibizioni: durante l’intero evento saranno allestiti brevi percorsi espositivi relativi ad iniziative che coniugano patrimonio culturale e Design for inclusion. Workshops: il 29 Novembre si svolgeranno laboratori ed esperienze applicative sulle tematiche trattate nel convegno, per la trasmissione e la sperimentazione di strumenti e metodi DfA (learn by doing) e lo sviluppo di competenze e abilità specifiche riconducibili alle molteplici dimensioni del patrimonio culturale. Mostre: durante l’intero evento saranno allestiti brevi percorsi espositivi relativi ad iniziative che coniugano patrimonio culturale e Design for inclusion.
“Organizzeremo questo evento, questa due giorni sul patrimonio culturale for All – ha affermato Giuseppe Di Bucchianico, professore del Dipartimento di Architettura dell’Università D’Annunzio – l’evento è articolato su tre modalità e avremo delle esposizioni di progetti anche di nostri studenti, ci sarà un convegno internaionale il giorno 28 ed il 29 organizzeremo dei workshop mirati alla valorizzazione del patrimonio culturale, anche locale attraverso l’approccio innovativo dell’Heritage for All che si sta espandendo di fatto in tutta Europa, quindi è giusto che anche noi a Pescara e in Abruzzo approfittiamo di questa opportunità”.

Guarda anche

Francavilla, presentato il 64° Carnevale d’Abruzzo VIDEO

Francavilla al Mare. A Francavilla torna l’appuntamento con il Carnevale d’Abruzzo, giunto alla sua 64° edizione. La presentazione dell’evento si è tenuta in mattinata. Le Sfilate si terranno il 24 febbraio, 3 e 5 marzo a partire dalle ore 15. Questi sono i costi del biglietto d'ingresso: intero 5€, ridotto over 65 e acquisto in prevendita 4€, i bambini sotto a 13 anni ed i disabili con un accompagnatore entrano gratis. L'infopoint si trova presso lo IAT in piazza Sirena. Sfileranno cinque carri allegorici: “Il teatro di Patanello”, “Obession”, “tra i due litiganti…”, “La fortezza” e “We will rock you”. A sfilare insieme ai carri allegorici ci saranno anche i seguenti gruppi: Patanello Street Band, Sbandieratori di L’Aquila, Arte Danza, Asd Alma Dance, New Dragonda, Armonia del Movimento e Mille Figure. Tra le iniziative collaterali torna per il quarto anno il concorso “La mascherina più bella”, portato avanti dall’associazione Abruzzo Eco Solidale: nell’arco delle sfilate saranno fotografati tutti i bambini (e non solo) in maschera e nella giornata finale (il 5 marzo) ci sarà la premiazione della mascherina più bella (tutti riceveranno comunque un premio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + 14 =