venerdì , 23 agosto 2019
Home » Culture » Cultura » Il complesso bandistico ‘Città di Archi’ compie 25 anni

Il complesso bandistico ‘Città di Archi’ compie 25 anni

Archi. Compie 25 anni il complesso bandistico “Città di Archi”, un traguardo importante che è stato festeggiato in paese sabato con un evento al quale hanno partecipato tutti i musicisti storici che in questo quarto di secolo si sono susseguiti nel gruppo, i soci fondatori e la composizione attuale della banda. “Venticinque anni sono molti …

Archi. Compie 25 anni il complesso bandistico “Città di Archi”, un traguardo importante che è stato festeggiato in paese sabato con un evento al quale hanno partecipato tutti i musicisti storici che in questo quarto di secolo si sono susseguiti nel gruppo, i soci fondatori e la composizione attuale della banda.

“Venticinque anni sono molti – commenta Gianni Di Biase, presidente dell’associazione “Circolo degli amici di Archi” – essere rappresentante della realtà associativa più longeva di Archi è per me motivo di grande orgoglio ma allo stesso tempo di grande responsabilità. Infatti, l’obiettivo che mi pongo ogni giorno è quello di dare vita il più a lungo possibile alla nostra banda per rispetto di tutti quelli che hanno fatto sacrifici per farla nascere e vivere nel tempo”.

Al mattino ottanta musicisti tra i componenti attuali e non hanno sfilato per le vie principali del paese intonando le note che hanno fatto la storia del complesso bandistico, a seguire la celebrazione della Messa nella Chiesa Santa Maria dell’Olmo e i ringraziamenti a tutti coloro che hanno contribuito al mantenimento di questa realtà.

Nel pomeriggio si sono uniti ai festeggiamenti il “Complesso Bandistici Città di Gissi” e la “Banda G. Verdi Città di Tornareccio”. I tre gruppi musicali hanno sfilato per le vie principali del borgo e si sono esibiti a rotazione in Piazza G. Marconi, dove tutti insieme hanno poi omaggiato il Monumento ai Caduti con il Piave e l’Inno di Mameli e tenuto un concerto finale di chiusura dell’evento.

La nascita del complesso bandistico risale al 28 novembre del 1992, i fondatori furono Mario Troilo, Franco Carpineta, Gaetano Spinelli, Mario Troilo, Giuseppe Cinalli, Donato Spinelli, Nicola Di Giambattista, Cornelio Sirolli, Concetta Pomilio, Rosa Marchetti, Adelia Tesone, Novellina Di Francesco, Rosina Abbonizio e Nicolina Spinelli.

Ufficialmente la banda Città di Archi esordisce il 7 maggio 1994 in occasione della festa patronale di S. Nicola ad Archi. Attualmente il consiglio direttivo è composto dal presidente Gianni Di Biase, vice-presidente e segretario Luca Di Giambattista e dai consiglieri Cesare Spinelli, Luciano Di Biase, Antonio Trotta, Daniele Cieri e Domenico Carlucci. Nel 1992 la direzione artistica venne affidata alla prof.ssa Filomena Tornese per la parte teorica, prof. Domenico Carlucci per gli strumenti ad ancia e prof. Luciano Ricotta per gli ottoni, flauti e percussioni. Ora il prof. Domenico Carlucci cura sia la direzione artistica che l’insegnamento teorico e strumentale.

L’organico è costituito da circa trenta musicisti effettivi di età compresa tra 10 e 40 anni. Tanti i successi portati a casa nel corso degli anni con concerti, trasferte e gemellaggi.

“La cosa più importante che noi tutti abbiamo imparato da questa grande e stupenda realtà è stare insieme – aggiunge il presidente – sostenersi nei momenti belli e in quelli più faticosi, farsi forza nelle salite e reggersi nelle discese, convivere come fanno gli strumenti in una grande sinfonia, ciascuno eseguendo la propria parte, rispettando e ascoltando anche quella degli altri senza cercare di sovrastarla. La cosa più importante che la musica può insegnare è vivere insieme ciascun istante della propria vita, perché, brutto o bello che sia, sarà irripetibile”.

Guarda anche

Italian Council: la Fondazione Menegaz premiata anche nel 2019 con un progetto di Airò a cura di Ciglia sulle ceramiche di Castelli

È ancora esposto all’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona il trittico di arazzi Retina di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − otto =