mercoledì , 13 novembre 2019
Home » Sport » Pallavolo Teatina, ad Agrigento a caccia di un’impresa

Pallavolo Teatina, ad Agrigento a caccia di un’impresa

Chieti. La Connetti.it è pronta a disputare la prima partita della propria storia in un campionato di serie B1, e lo farà come ospite di una squadra presentata, da tutti gli addetti ai lavori, come la candidata numero uno per la promozione. La Pallavolo Aragona ha allestito infatti un roster di livello assoluto, in cui …

Chieti. La Connetti.it è pronta a disputare la prima partita della propria storia in un campionato di serie B1, e lo farà come ospite di una squadra presentata, da tutti gli addetti ai lavori, come la candidata numero uno per la promozione. La Pallavolo Aragona ha allestito infatti un roster di livello assoluto, in cui figurano giocatrici con importanti trascorsi in A1, tra le quali, solo per fare alcuni nomi, l’opposta Aricò, le schiacciatrici Moneta e Donà e la centrale Manzano. Dall’altro lato, si troveranno contro una Teatina priva dell’infortunata Sara Gotti, ma comunque decisa ad iniziare con il piglio giusto la propria stagione, dando il meglio di sé in un palazzetto che si preannuncia strapieno e carico di entusiasmo. In un’atmosfera simile, la personalità e l’esperienza ad alti livelli della nuova palleggiatrice neroverde, Beatrice Giroldi, sarà fondamentale, e la diretta interessata non si tira affatto indietro:
«Penso che giocare partite come quella di domani, di fronte ad un pubblico caloroso e contro una squadra così forte, debba essere uno stimolo enorme, capace di darci una carica e una motivazione fuori dal comune. Dal punto di vista tecnico siamo ancora un cantiere aperto, lontane dal raggiungere il massimo del nostro potenziale, ma dal punto di vista umano e caratteriale siamo una squadra combattiva, di personalità, e battaglie sportive come quella che ci attende domani possono soltanto esaltarci. Sull’Aragona c’è poco da dire, è una squadra fortissima, con un roster di altissimo livello, ma sono certo che potremo dire la nostra, anche senza Sara Gotti. A volte vorrei avere a disposizione quattro palloni contemporaneamente, per poter rifornire tutte le bocche di fuoco che abbiamo là davanti: c’è tanta qualità in tutti i ruoli e possiamo far male in molte maniere. Domani, la chiave della partita sarà però, come spesso succede, la difesa, perché affrontiamo una squadra che, oltre ad avere enorme talento, difende anche alla morte, e noi dovremo difendere più di loro, dovremo cercare di non far cadere neppure un pallone. Sarà durissima, ma sono certa che ce la giocheremo. Per la stagione nel suo complesso sono poi molto fiduciosa, perché abbiamo le qualità tecniche e umane per toglierci tante soddisfazioni e poter ambire a risultati importanti. Ad Agrigento giocheremo solo la prima di tante battaglie».

Guarda anche

La Tombesi torna nel suo fortino

Ortona. Settima giornata di campionato nel girone B di A2 e quarto impegno casalingo per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × uno =