lunedì , 15 Aprile 2024

Nome in codice ‘Diomede’. La storia di un illuminato di Baviera abruzzese nel libro presentato a Pianella dalla Pro Loco

Pianella. Venerdi 24 luglio alle ore 21.00 a Pianella nella splendida cornice di Largo Teatro verrá presentato il libro ‘Gli Illuminati. Un filo rosso tra la Baviera e l’Abruzzo’ di Elso Simone Serpentini e Loris Di Giovanni, edito da Artemia Nova Editrice. L’evento, organizzato dalla Pro Loco di Pianella e patrocinato dal Comune, vedrà i saluti del presidente Edoardo Faieta e la presentazione del past presidente Roberto Sergiacomo. Saranno presenti gli autori che, con l’ausilio di immagini proiettate, sveleranno i misteri dei tre personaggi le cui storie vengono narrate nelle oltre cinquecento pagine del libro.

Dei tre, due erano abruzzesi Costanzo Di Costanzo (1755-1810) di Paganica e il teramano Melchiorre Delfico (1744-1835), mentre uno era danese: Friederich Münter (1761-1830). Quest’ultimo era il più giovane e costituì il terzo vertice di un triangolo assolutamente particolare, essendo senza ipotenusa, di fatto un triangolo a tre vertici e due lati, mancando un collegamento diretto tra due dei vertici, Delfico e Di Costanzo. Tutti e tre frequentarono logge massoniche e cenacoli latomici. Incrociarono le loro esistenze nella seconda metà del Settecento e nei primi dell’Ottocento in una fase cruciale della storia che conobbe evoluzioni e rivoluzioni dell’assetto politico dell’Europa, sia nel processo d’elaborazione di un nuovo concetto di Stato, sia del rapporto di esso Stato con i propri cittadini, non più sudditi.

Cosa c’entrano gli Illuminati di Baviera con l’Oktoberfest? Chi ha messo una microscopica civetta, simbolo degli illuminati, nel cartiglio del numero uno della banconota da un dollaro? Queste e tante altre curiosità impreziosiscono un volume storico su un argomento mai troppo studiato scientificamente, denso di un migliaio di note a pié pagina, ognuna delle quali rimanda a successivi approfondimenti.

Guarda anche

Torrevecchia Teatina, ‘Quanto tempo senza senso’: nuovo singolo di Vid in memoria del terremoto aquilano

L’artista di Torrevecchia Teatina, a quindici anni dalla tragedia che fece 309 vittime, ripercorre quei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *