domenica , 16 Maggio 2021

La Comm.e regionale Pari Opportunità sulla doppia preferenza di genere

Ancora in pochi sanno però che gli elettori e le elettrici di Pescara,

Teramo, Montesilvano, Città Sant’Angelo, Giulianova, Silvi, Campli,

Montorio, Mosciano, Nereto, Pineto, Sant’Egidio alla Vibrata,

Sant’Omero, Tortoreto, Bucchianico e Fossacesia in questa tornata

elettorale, per la prima volta nella storia della Repubblica italiana,

avranno la possibilità di apporre sulla scheda elettorale non uno ma due

cognomi di candidati della stessa lista, purché siano un uomo e una

donna.
Una modalità elettorale che, malgrado sia entrata in vigore già

nelle amministrative dello scorso anno e che coinvolga in questa tornata

realtà importanti come Pescara, Teramo, Montesilvano e Giulianova, è

ancora sconosciuta alla maggior parte degli aventi diritto al voto. Al fine

di divulgare quanto più possibile questa importante conquista, la

Commissione Pari Opportunità regionale ha deciso di inviare una lettera

ai Prefetti abruzzesi e ai sindaci dei 16 Comuni sopra i 5 mila abitanti

chiamati alle urne domenica 25 maggio, per evidenziare sui siti web e

nell’ambito di tutte le attività di comunicazione la Legge 215 del 2012.
Ad

oggi, tuttavia, da una verifica condotta dalla Commissione regionale è

emerso con i siti istituzionali dei Comuni dove si applica la Legge 215 del

2012 non hanno ancora reso noto e consentito agevolmente agli utenti di

conoscerla. Secondo la Legge, approvata in Parlamento in modo

bipartisan, il sindaco e il presidente della Provincia sono inoltre tenuti a

nominare la giunta nel rispetto del principio di pari opportunità tra donne

e uomini, garantendo la presenza di entrambi i sessi e gli Statuti comunali

e provinciali dove stabilire norme per garantire, e non più semplicemente

promuovere, la presenza di entrambi i sessi nelle giunte e negli organi

collegiali non elettivi del Comune e della Provincia, nonché degli enti,

aziende ed istituzioni da essi dipendenti.

“Il problema è serio – ha detto la presidente della Commissione Pari

Opportunità in Regione, Gemma Andreini – perché la nostra iniziativa

non è passata. Tra le persone c’è confusione a riguardo, la confusione è

su vari livelli.
È importante che chi va a votare capisca in che modo deve

farlo, sperando che in molti si recheranno alle urne. Nelle due preferenze

una deve essere di genere maschile e l’altra di genere femminile, nel

caso in cui le due preferenze dovessero essere dello stesso genere, la

seconda verrà annullata.
Chiediamo che venga fatta chiarezza sulle

modalità di voto. Per la doppia preferenza, sia per le europee che per

le amministrative, chiediamo che ci sia massima attenzione affinché i

cittadini possano votare nel modo giusto senza cadere in errore”.

Guarda anche

Coronavirus: Verì, piano per consentire le visite agli ospiti delle strutture residenziali

Pescara – Recuperare le relazioni affettive interrotte a causa della pandemia tra gli ospiti delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − 8 =