venerdì , 18 Giugno 2021
Pescara : A partire da quest' anno, PescarArt diviene una vera e propria biennale d'arte contemporanea: porta in città 100 artisti e 148 opere in una mostra di arti visive e multimediali che si manifesta attraverso: pittura, scultura, fotografia, arte digitale, installazioni, performance, disegno, fluxus, musica, happening.

PescarArt 2014: al via la V Mostra di Arti visive e multimediali

. La novità è anche il “Premio

PescarArt”, parte integrante della rassegna, che sarà contestuale a

vernissage e apertura della mostra ospitata da sabato 26 luglio alle

17,30 al 15 agosto nello spazio funzionale Box&Office di via Raiale 285.

All’inaugurazione parteciperanno anche il presidente della Regione

Luciano D’Alfonso e il sindaco Marco Alessandrini.

La rassegna, che gode del patrocinio di Regione e Comune di Pescara,

nasce da un’idea di Giancarlo Costanzo, pittore, scenografo, scultore,

esperto di Arte antica che vive e lavora nella sua fucina di Pescara Art

Evolution in via Ravenna 103. E’ nata nel 2007 e per l’edizione 2014 vede

la partecipazione di ben cento artisti, di cui 45 nati in Abruzzo, italiani e

stranieri, oltre ad alcuni importanti critici, curatori, galleristi, istituzioni

d’arte e vari imprenditori. L’allestimento è a cura dell’architetto Mila

Sprecacenere, mentre il premio è presieduto da Erminia Turilli, curatrice

di mostre ed eventi artistici.

Gli artisti. Belli e importanti i nomi in mostra. L’evento moderato da

Silvia Moretta si aprirà con un omaggio a Gian Ruggero Manzoni e a

Mimmo Paladino con la presentazione del libro Tutto il calore del mondo

(edito da Skira nel 2013) di Gian Ruggero Manzoni illustrato con 24

tavole di Mimmo Paladino, pittore e scultore italiano, tra i principali

esponenti della Transavanguardia, in esclusiva per PescarArt. Discendente

dell’Alessandro dei Promessi Sposi, Gian Ruggero Manzoni è poeta,

attore, scrittore, critico d’arte, pittore, al quale Pescar Art ha voluto dare

il suo tributo per talento e creatività.

In Tutto il calore del mondo (Skira, 2013) Gian Ruggero Manzoni mette in

scena la vita quale luogo del perpetuo conflitto e del martirio. Assumendo

il punto di vista del testimone-superstite, ossia di colui che ha visto

dall’interno l’orrore che c’è in ogni guerra, uscendone segnato, unto

come un cristo. Manzoni sceglie due momenti emblematici (un episodio

sul fiume Dnepr, tra russi e tedeschi durante la Seconda guerra mondiale,

e la battaglia di Alesia, dove Cesare vince Vercingetorige) e ce li racconta

attraverso gli occhi di due ragazzi, Il primo, infatti, è il protagonista de

L’infanzia di Ivan, film del maestro Andrej Tarkovskij, uscito nel 1962;

l’altro si chiamava Lucinio Curione: inviato ad annunciare la vittoria

romana sui Galli, non giunse mai in capitale e di lui non si seppe più nulla.

Il premio. La premiazione del Premio Pescar Art avrà luogo il giorno

dell’inaugurazione, dalla commissione presenziata da Erminia Turilli e

composta da: Enrico Borgatti, Mario Costantini, Paolo D’Orazio, Meri

Leone e Mario Serra. A tale concorso non partecipano gli artisti della

commissione né quelli indicati di seguito: Lino D’Ambrosio, Nino De Luca,

Emanuele De Reggi, Peppe Esposito, Duccio Gammelli , Fathi Hassan,

Mikhail Koulakov, Gian Ruggero Manzoni, Paolo Marazzi, Gaetano

Pallozzi, Franco Summa.

Guarda anche

Serendip, il film della solidarietà al Festival internazionale Tulipani di seta nera

Il docufilm prodotto dagli abruzzesi Antonio Di Leonardo e Andrea Mariani e diretto da Marco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =