mercoledì , 12 agosto 2020
Home » Focus » News » Corso Vittorio e varchi, apertura senza disagi e con qualche mugugno

Corso Vittorio e varchi, apertura senza disagi e con qualche mugugno

“Abbiamo aperto secondo quanto programmato – così il vice sindaco e assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchio – Non ci sono stati grandi problemi oltre alla necessità di ricalibrare i tempi del verde al semaforo di piazza della Repubblica, in uscita dalle aree di risulta che per consentire un maggiore scorrimento delle auto in arrivo dal parcheggio, verranno dilatati.

A partire da giovedì ci saranno anche gli autobus della Gtm e potremo fare una stima completa della situazione.

Come anticipato in conferenza stampa, da sabato 6 dicembre, a partire dalle 16 in poi, scatterà su Corso Vittorio l’isola pedonale fino a tutta la domenica.

Inoltre per informazioni e comunicazioni, oltre a due sezioni specifiche del sito internet del comune, in primo piano e con un link apposito, stiamo attivando un numero verde e una mail a cui ci si potrà rivolgere finché la nuova regolamentazione andrà a regime: 800 822 690 e l’indirizzo di posta elettronica ztl@comune.pescara.it”.

La protesta di Fi contro la riapertura al traffico

“Due striscioni sono affissi da questa mattina all’ultimo piano della sede della Aptr (Azienda di promozione turismo) per protestare contro la riapertura al traffico di corso Vittorio Emanuele decisa dal Comune di Pescara e in vigore da questa mattina alle 9.
Su uno striscione campeggia la scritta “Difendi il corso” e sull’altro “Pd = smog e tasse”. Alla protesta, promossa da Forza Italia, partecipano il capogrupppo in consiglio regionale Lorenzo Sospiri e i consiglieri comunali Marcello Antonelli, Vincenzo D’Incecco e Fabrizio Rapposelli.

Riepilogo dei provvedimenti.

Riapertura di corso Vittorio Emanuele II.

Da lunedì 1 dicembre Corso Vittorio Emanuele II sarà riaperto con “Istituzione di “Zona 30 km/h”; ripristino della percorribilità al traffico ordinario, ciclopedonale, mezzi di soccorso e TPL sulla corsia lato mare direzione sud-nord e, solo per i mezzi di soccorso e TPL sulla corsia lato monte direzione nord-sud”.

In questi giorni sono stati ultimati i lavori di messa in sicurezza e segnaletica per l’adeguamento del tratto viario alle condizioni di circolazione veicolare che hanno consentito, in data 28.11.204, di poter svolgere il sopralluogo da parte dei tecnici della Regione Abruzzo – Settore Trasporti, Infrastrutture, Mobilità e Logistica – e delle aziende trasportistiche pubbliche – ARPA e GTM – per il rilascio del prescritto nulla osta avvenuto con Determina Dirigenziale Regionale n. 91/DE6 del 28.11.2014.

Inoltre, verrà riacceso il semaforo in piazza della Repubblica.


ZTL – zona a traffico limitato

Il sistema di controllo elettronico dei varchi avviene per mezzo di telecamere che acquisiscono, attraverso una scansione elettronica, le immagini in tempo reale, fornendo alla Polizia Municipale le targhe degli automezzi che li attraversano. I varchi saranno in totale 12 e posizionati all’imbocco delle seguente vie: Mazzini, Piave, Trento, Roma, Umbria, Firenze, Milano e corso Umberto I. Il sistema di controllo elettronico degli accessi in ZTL sarà, inoltre, un sistema di controllo e sicurezza della zona centrale della città. Il costo totale dell’intervento, finanziato con prestito della Cassa Depositi e Prestiti, è stato di 300.000 euro.

La Polizia Municipale avrà a disposizione un software gestionale nel quale provvederà ad inserire l’elenco delle targhe autorizzate all’accesso in ZTL. Si distinguono in tal senso vari tipi di autorizzazione per l’accesso in ZTL:

a) Permanenti. Sono quelle per mezzi di soccorso, forze di polizia, vigili del fuoco e pronto intervento, taxi, mezzi blindati per trasporto valori, onoranze funebri, veicoli di aziende di servizio pubblico per interventi di zona e veicoli adibiti al trasporto di persone diversamente abili muniti di scritte o stemmi che li rendano individuabili. Le targhe di questi veicoli, su richiesta dei proprietari, verranno iscritti in una lista che ne permetterà, senza necessità di rinnovo, la libera circolazione nella ZTL.

b) Annuali. Le autorizzazioni annuali, con necessità di rinnovo, saranno, invece, concesse ai residenti che hanno garage e posto auto in ZTL. I possessori delle autorizzazioni attualmente in vigore verranno inserite d’ufficio e dovranno, ovviamente, provvedere al rinnovo delle stesse alla data di scadenza.

c) Autorizzazioni temporanee. Saranno autorizzati solo temporaneamente all’accesso in zona, previa richiesta al Servizio Mobilità, coloro che dovranno compiere lavori o attività all’interno della ZTL per un periodo limitato di tempo (lavori stradali, lavori edili e altro). I clienti degli alberghi potranno accedere per il carico scarico dei bagagli per un’ora e sarà la struttura ricettiva stessa a comunicare direttamente al Comando della Polizia Municipale, a mezzo mail, le targhe degli avventori.

Ulteriori situazioni e necessità particolari (donne in stato di gravidanza, anziani e persone con ridotte capacità di deambulazione) verranno vagliate dal Servizio Mobilità, che rilascerà autorizzazioni limitate nel tempo per l’accesso alla ZTL.

Isola pedonale

Da sabato 6 dicembre, per tutti i weekend e le festività, sarà operante l’area pedonale sempre su corso Vittorio Emanuele II nella sola parte riqualificata.

Al fine di completare il quadro complessivo della viabilità che ruota intorno a Corso Vittorio Emanuele, sono in corso di realizzazione le opere finalizzate a sospendere il transito ordinario sulla c.d. “controstrada” sulle aree di risulta attraverso l’adeguamento infrastrutturale della attuale strada adiacente la stazione ferroviaria Via Bassani – Pavoni, Via Ferrari, imbocco di Via del Circuito, via Alcide De Gasperi e via Michelangelo; lavori che prevedono, altresì, l’eliminazione della rotatoria all’intersezione tra Via De Gasperi e Via Teramo, autentico baluardo di traffico confliggente, che consentiranno di recuperare all’uso della collettività ed alla gestione della soc. Pescara Parcheggi n. 126 stalli.

La ponderata scelta operata, come risulta di tutta evidenza, anche in ragione del nutrito dibattito che ha accompagnato l’esecuzione dei predetti lavori, si pone l’obiettivo di perseguire e tutelare una molteplicità di esigenze: ambientali, economico e sociali.

Infatti, la collocazione dell’asse viario di Corso Vittorio Emanuele II all’interno di una area vasta compresa tra Via Ferrari ed il Lungomare Matteotti che racchiude, da una parte la prevista destinazione a “parco” dell’area di risulta con la sua potenzialità di parcheggio verso il lato monte e dall’altra la ZTL verso il lato mare che risulta a sua volta attraversata da un asse importante – Via Nicola Fabrizi – con senso unico direzione nord-sud, non poteva non risentire della sua originaria funzione e delle legittime aspettative di crescita e sviluppo economico delle aziende lì presenti anche assecondando le nuove funzioni commerciali coniugate ad una nuova e diversa penetrabilità del luogo che dovesse rendersi più adeguata.

Guarda anche

Ipssar Villa Santa Maria, servizio convitto garantito a tutti gli studenti

Individuati nuovi posti letto in diverse strutture del paese per rimodulare la ricettività post-Covid Villa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 1 =