martedì , 31 Gennaio 2023

Il vice sindaco Del Vecchio su delibera consiliare per diritto di Servitù approvata in Consiglio: “Abbaglio a 5 Stelle ”

Del Vecchio coninuando nel suo commento scrive “un abbaglio sul bilancio di previsione, per cui si volevano tagliare milioni di euro inesistenti, quello sul predissesto che valutava le aree di risulta in svariate decine di milioni di euro, ad esempio, per citarne di clamorosi.

La storia si ripete ora per una normale delibera con cui si concede utilizzo di servitù il cui corrispettivo di poche centinaia di euro viene ingigantito dai novelli ragionieri ipotizzando che il Comune possa “incassare oggi la considerevole cifra di 2 milioni di euro per tutti i 20 anni di servirtù”, adducendo a ciò il fatto che il valore stimato per quelle aree sia esorbitante!

Se ciò fosse vero, -continua il vice sindaco di Pescara- il soggetto destinatario di questo salasso bene avrebbe fatto ad acquistarli quei 35 metri di servitù, ma, calcolatrice alla mano, neanche a quel prezzo e per tutti quegli anni potrebbe arrivare a sborsare 2 milioni di euro.

Ancora una volta l’algoritmo politico-mediatico che i consiglieri del M5S del Comune adoperano deve forse essere registrato: perché non potrà mai accadere che l’Ente espropri un milione di metri quadri di aree verdi, non accade per appezzamenti di poche migliaia di metri ad esempio il Parco Nord, figuriamoci per le ipotesi fantasiose a 5 stelle.

E’vero invece il contrario: la delibera della servitù licenziata nell’ultimo Consiglio è solo l’ultima di tante altre delibere che hanno utilizzato lo stesso metodo di calcolo nel corso di tutti questi anni (almeno dal 2000 a ora) e che non hanno prodotto quelle catastrofi oggi immaginate dai pentastellati, anzi per le situazioni di esproprio che questo Comune ha dovuto operare, sia pure molto limitatamente, per aree similari a quelle in discussione il prezzo pagato è stato assolutamente in linea con il valore delle aree verdi e che mai hanno risentito delle valutazioni fatte per diritti di servitù.

In conclusione, di questa vicenda, l’unico a doversi dolere è forse il provato destinatario che ha richiesto il diritto di servitù e che si vedrà costretto a pagare una cifra che, se rapportata realisticamente a quella che ipotizzano i consiglieri, dovrebbe essere di molto, ma molto inferiore.

Pertanto, -conclude nella nota Del Vecchio- non rimane che consigliare ai nostri eroi di cambiare calcolatrice, ma soprattutto di adottare un metodo più affidabile per catturare l’attenzione dei media che quello di contrastare l’azione Amministrativa di questa maggioranza con mostri e catastrofi inesistenti”.

Guarda anche

Acqua: Dal ministero Infrastrutture 16,8 milioni di euro per ridurre le perdite della rete aquilana

Gran Sasso acqua gestira’ la realizzazione delle opere L’Aquila – In arrivo ulteriori 16,8 milioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La tua pubblicità su Hg