venerdì , 24 gennaio 2020
Home » Terza pagina » Eventi » Università Popolare della Terza Età: con il dottor Ruggeri per conoscere le malattie trasmesse dagli animali all’uomo e viceversa

Università Popolare della Terza Età: con il dottor Ruggeri per conoscere le malattie trasmesse dagli animali all’uomo e viceversa

“La tubercolosi, l’encefalopatia spongiforme bovina (mucca pazza), la rabbia, la

brucellosi, la micosi – ha affermato il presidente dell’Università Popolare della Terza

Età di Montesilvano Giuseppe Tini – sono solo alcune delle malattie che gli animali

possono trasmettere agli uomini e viceversa.
Grazie al dottor Ruggeri, abbiamo potuto

apprendere informazioni fondamentali per prevenire infezioni che, nella maggior parte

dei casi, possono essere letali per l’uomo. L’incontro è stato molto interessante e gli

iscritti dell’Università sono stati rapiti sia dal tema trattato che dal dottor Ruggeri”.

“Le zoonosi e le antropozoonosi (malattie trasmesse dagli animali all’uomo e dall’uomo

agli animali) – ha detto il dottor Ruggeri – vengono diffuse da agenti esterni che

possono essere virus, batteri, insetti, protozoi, vermi.
Oggi in Italia alcune infezioni

trasmesse dagli animali sono scomparse, come la rabbia: gli ultimi casi risalgono agli

anni del secondo dopo guerra. Ne esistono altre, come la toxoplasmosi, che invece sono

sottovalutate. La toxoplasmosi, molto pericolosa per le donne in stato interessante,

è trasmessa dai gatti e negli ultimi anni è sottoposta a uno studio scientifico più

accurato. Si ritiene, infatti, che alcuni strani comportamenti celebrali nell’uomo siano

dovuti proprio a tale infezione”.

“Gli iscritti dell’Università – ha concluso il presidente Tini – sono rimasti affascinati

dalla dialettica del dottor Ruggeri che, molto simpaticamente, si è soffermato a lungo

a rispondere alle mille domande postegli. Sicuramente in futuro lo avremo nuovamente

come ospite per illustrarci altri argomenti”.

Guarda anche

Negrita in concerto al Teatro Massimo di Pescara

Pescara. “Come vi avevamo annunciato, non abbiamo alcuna intenzione di fermare i festeggiamenti. Abbiamo ricaricato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 11 =