martedì , 7 aprile 2020
Home » Focus » News » La Filt boccia il Piano Industriale, proprio come il Movimento 5 Stelle

La Filt boccia il Piano Industriale, proprio come il Movimento 5 Stelle

“Le parole di Franco Rolandi sono durissime verso la TUA e noi lo avevamo previsto” spiega Sara Marcozzi “Le incertezze circa il futuro della società unica e il futuro dei dipendenti sono state sempre denunciate a gran voce dai “gufi” del M5S. Già nel corso della prima discussione del progetto di legge di fusione in commissione avevamo chiesto ripetutamente di poter visionare il Piano Industriale, ma sia il delegato alla fusione Camillo D’Alessandro, che il Presidente di Arpa Spa, Luciano D’Amico, ci “insegnavano” come il piano industriale costituisse solo la fase successiva della fusione, assicurandoci che il Consiglio, approvata la legge di fusione, avrebbe avuto accesso all’intero progetto di fusione, al piano industriale, allo statuto e al piano strategico”.

Questo è il risultato di una politica che non vuole ascoltare le opposizioni, e che neanche davanti all’evidenza delle carte fa un passo indietro. Purtroppo è anche il risultato dei sindacati che ancora si ostinano a credere alle promesse per poi rincorrerle quando ormai è troppo tardi. Fin ora le grandi opere della maggioranza si sono rivelate fallimentari eppure ci si ostina ad autocelebrarsi come grandi innovatori e risolutori.

Guarda anche

Giulianova, sopralluogo alla RSA di Bivio Bellocchio da parte dei tecnici della Asl di Teramo

Tra due settimane la struttura sarà pronta ad ospitare i pazienti colpiti da Covid-19 in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + nove =