giovedì , 2 Dicembre 2021

Movimento H2o Abruzzo: la Corte Costituzionale boccia la regione Abruzzo sui dragaggi

Di conseguenza commenta il Movimento Acqua Abruzzese, chiunque poteva spostare in mare da un punto all’altro materiale dragato senza un’autorizzazione vera e propria e, soprattutto, senza far riferimento ai criteri tecnici riguardanti la qualità chimico-fisica dei sedimenti interessati.

Spostare materiale sommerso ha ribadito il movimento H2o vuol dire rimettere in sospensione sedimenti che con le correnti possono viaggiare per chilometri e, quindi, andare a contaminare zone a grande distanza se non si prendono serie precauzioni.

Augusto De Sanctis, del Forum dell’Acqua ha dichiarato in merito «Per l’ennesima volta scontiamo il metodo “Sorgi”.

Le associazioni ambientaliste, e in particolare il WWF, avevano scritto alla Regione chiedendo di ritirare la delibera, senza essere ascoltati.
Io stesso, allora referente acque dell’associazione, avevo stigmatizzato la palese illegittimità dell’iniziativa della giunta in materia di dragaggio**.
Purtroppo in questi anni invece di assicurare la linearità delle procedure rendendole solide e inattaccabili per dare certezze agli operatori e dragare i nostri porti in sicurezza si è preferito ogni volta cercare la scorciatoia. L’ambiente marino è estremamente vulnerabile a causa dei contaminanti che spesso si ritrovano nei sedimenti.
In Abruzzo in un caso qualche anno fa -ricorda De Sanctis- siamo arrivati addirittura a spargere questi materiali sulle spiagge senza tener conto degli standard di qualità per i sedimenti marino-costieri richiesti a livello nazionale e comunitario.
La conseguenza fu che il dragaggio fu interrotto. Anche recentemente ci sono stati tentativi di eludere le procedure di Valutazione di Assoggettabilità a V.I.A. per i lavori costieri.
Elevati standard ambientali sono indispensabili non solo per tutelare la qualità dell’ambiente marino ma anche per tutelare la salute dei cittadini, come, ad esempio, quando si riutilizzano i materiali da dragaggio per ripascimento delle spiagge. Tra poco dovrebbero partire i dragaggi dei porti di Ortona e Pescara -conclude il coordinatore H2o- Auspichiamo che sia assicurata la massima trasparenza nella gestione e pubblicazione dei dati ambientali riguardanti i sedimenti e la partecipazione del pubblico nelle procedure».

Guarda anche

Chieti, ‘Prevenzione contrasto alla violenza di genere’: spazio formativo di apprendimento all’IIS Pomilio

Chieti. Ultimo step del progetto “Prevenzione contrasto alla violenza di genere”, uno spazio formativo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 4 =