sabato , 27 Febbraio 2021

Al via La Provincia apre le porte all’arte

Nella sala Figlia di Iorio, appunto, chi vorrà, ad ingresso libero, potrà ascoltare

la descrizione della preziosa tela di Michetti (nella foto), a cura della responsabile del

cerimoniale di palazzo dei marmi, Assunta Olivieri.
Inoltre, sarà possibile

ascoltare la lettura dell’opera teatrale “La Figlia di Iorio” di Gabriele

D’Annunzio, nella traduzione in dialetto abruzzese di De Titta, a cura di

Franca Minnucci, Antonio Luise e Luigi Ciavarelli.

“Nel 1999 – spiega la presidentessa Gabriella Serafini – tra la Settembrata e

la Provincia di Pescara si diede vita all’iniziativa “La Provincia apre le porte

all’arte”, che ebbe un successo enorme e che portò un flusso di visitatori, mai

eguagliato da nessun altro evento che abbia avuto come location la Sede

della Provincia e, in particolare, la sala della Figlia di Iorio.
In quegli anni la

Settembrata aveva portato in scena “La figlia di Iorio” di De Titta, gli attori, tutti

bravissimi, ebbero un grande riscontro di pubblico.

Siamo consapevoli che i tempi sono cambiati e che i cittadini, i turisti, i

visitatori hanno, oggi, una ben più vasta gamma di proposte culturali e

artistiche. La Settembrata, tuttavia, ha voluto rilanciare la qualità di quella

proposta culturale e offrire un esempio di progetto coordinato con le istituzioni

del territorio, in cui obiettivi comuni di salvaguardia del patrimonio del passato

si congiungono con una rinnovata capacità di intrecciare alleanze e

contributi.

Le voci autorevoli che ascolteremo ci faranno sentire i palpiti di emozioni forti

che hanno sempre caratterizzato i personaggi abruzzesi”.

“Ho fortemente voluto rilanciare questa iniziativa, che trovo di grande

interesse per tutti i cittadini della Provincia di Pescara,e non solo – dichiara il

Presidente Di Marco – Sono certo che riscuoterà un grande consenso e che

l’associazione Settembrata Abruzzese, che da più di sessant’ anni opera nel

campo culturale regionale per la valorizzazione del nostro patrimonio

linguistico, poetico, musicale, teatrale e artistico con l’intento di una migliore

qualificazione ed espressione della cultura popolare abruzzese, saprà offrire a

tutti i visitatori un’ora all’insegna dell’arte e dell’amore per le nostre tradizioni”.

Guarda anche

POSTE ITALIANE: IN ABRUZZO DISPONIBILI ONLINE I DATI 2019 PER LA RICHIESTA DELL’ISEE

Roma – Da oggi in Abruzzo è possibile richiedere online i dati dei rapporti intercorrenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + tredici =