giovedì , 20 febbraio 2020
Home » Focus » News » Antonio Di Marco eletto nuovo Presidente UPI Abruzzo

Antonio Di Marco eletto nuovo Presidente UPI Abruzzo

“È per me un grande onore ricevere questo attestato di stima e fiducia da

parte dei miei colleghi presidenti. Il ruolo che assumo oggi, però, implica

grandi responsabilità e un duro lavoro -.
Ha dichiarato Di Marco, subito dopo

aver ricevuto la nomina -. Sono quattro, in breve, i punti su cui mi concentrerò

nell’assolvere questo incarico. Il primo riguarda la vera grande sfida dell’Upi

Abruzzo, che non può che essere legata all’attenzionare la ormai prossima

legge regionale sul riordino delle Province, affinché sia garantito il futuro

lavorativo di tutti i dipendenti degli enti provinciali. Il nostro compito sarà, poi,

coinvolgere tutti i parlamentari abruzzesi in modo che il governo stanzi le

risorse necessarie che ci permettano di assolvere le tre funzioni rimaste in

capo agli enti provinciali: viabilità, edilizia scolastica e ambiente.
Ho dichiarato

più volte che non è possibile non avere alcuna certezza di cassa e dover

andare avanti affrontando, di volta in volta, le emergenze che ci si

presentano: occorre programmazione e, per farla, servono fondi sicuri.

Il terzo obiettivo che mi prefiggo è quello di elaborare una serie di programmi

concordati con i Comuni d’Abruzzo, affinché le Province svolgano di più e

meglio il ruolo di prossimità ai territori comunali, pianificando iniziative in

sinergia con l’Anci.
Infine, credo che sia necessario esercitare la funzione di

lobby a Roma, poiché il governo deve comprendere che i territori non

possono essere lasciati soli.

A tal proposito, organizzerò quanto prima una serie di incontri con i

parlamentari abruzzesi, con i responsabili dei partiti, con la Regione e con i

tecnici, per definire la strada da seguire”.

Guarda anche

La Tombesi piega 2-1 il Buldog Lucrezia al termine di una partita dura ed equilibrata

Ortona. Era fondamentale vincere, per allontanarsi definitivamente dalla zona playout e tenere viva la speranza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =