venerdì , 3 luglio 2020
Home » Focus » News » RD Organico. Responsabilità Comune chiede le dimissioni dell’assessore Denia Di Giacomo

RD Organico. Responsabilità Comune chiede le dimissioni dell’assessore Denia Di Giacomo

Nel consiglio Comunale dello scorso 28 maggio 2015, ricordano Maurizio Vallore, Matteo Perazzetti, Roberto Ruggieri e Lucia Travaglini – nel quale peraltro si è insediato come Capogruppo di Responsabilità Comune per il prossimo anno consiliare Maurizio Valloreo, mettendo in atto il principio di turnazione annuale dell’incarico, abbiamo chiesto le dimissioni dell’Assessore alle finanze e tributi ed ai rapporti con le partecipate del Comune (Linda S.p.a.) Denia Di Giacomo.

Avevamo infatti chiesto all’Assessore che fine facesse l’umido che cittadini ed aziende insistenti sul territorio (ES. Aziende ospedaliere che separano settimanalmente grosse quantità di umido) conferiscono separatamente i primi negli appositi contenutori marroni tuttora presenti accanto ai raccoglitori per l’indifferenziata, i secondi con raccolta separata e prelevamento separato ad opera della Linda S.p.a.”

“L’assessore – continuano gli esponenti di Responsabilità Comune – aveva risposto laconicamente che l’umido, separato, raccolto con mezzi e con turni ad hoc del personale, veniva poi rimescolato nell’indifferenziata, perché non totalmente pulito da altri rifiuti”.

“Una presa in giro – sottolineano – per cittadini e aziende che proprio dall’Assessore con la campagna “Rifiuto lo spreco” vengono invitati a sensibilizzarsi alle tematiche ambientali e prepararsi alla differenziata!
Una doppia responsabilità le è stata da noi contestata quindi:
– come assessore alle finanze perché mantenere in piedi un servizio di raccolta dell’umido inutile perché si conclude in maniera assurda con il rimischiare tutto nell’indifferenziata con mezzi e personale e turni appositi (bisettimanali) è un costo in più che grava sulla TARI che tutti noi paghiamo;
inoltre far lievitare le quantità di indifferenziata da smaltire vuol dire spendere ancora per ogni tonnellata fior di soldi.
-come assessore alle partecipate ossia ai rapporti con esse tra cui la Linda Spa, per non aver in 1 anno di mandato , essersi accorta di questa odiosa messa in scena, che cozza , rendendola assolutamente poco credibile, con la campagna di sensibiizzazione alla differenziata propinata alla cittadinanza, della quale peraltro vengono annunciati progetti pilota ad ogni tornata elettorale, ma ad oggi niente o poco si è visto”.

“Crediamo – concludono – che a questo punto le dimissioni siano un atto doveroso, poiché tale gravissima ammissione ad opera dello stesso Assessore Denia Di Giacomo, non può non essere stigmatizzata, comporta ed ha comportato un danno erariale per il pagamento a carico dei cittadini di un servizio inutile, poiché sfociante di fatto nella vanificazione della raccolta separata dell’umido operata dai cittadini; peraltro anche a seguito della nostra denuncia l’Assessore non ha anninciato di voler mettere in atto nessuna manovra correttiva della gestione dell’umido, continuando così a gravarci di un costo inutile mantenendo ancora in piedi il teatrino.
In conclusione la maggioranza parla di ambiente e differenziata con la campagna “Rifiuto lo spreco” noi Rifiutiamo lo spreco …di denaro pubblico!”

Guarda anche

Inquinamento e Covid: Fare Verde ne parla con docenti universitari ed esperti

Teramo – Mercoledì 1 luglio, alle ore 16:00, si parlerà di inquinamento e Covid nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 14 =