giovedì , 9 Dicembre 2021
CEPAGATTI - Il Comune di Cepagatti si è attivato per definire l'annoso contenzioso con l'associazione sportiva Torre Alex, che gestisce da circa tre anni il campo comunale Marcantonio, e per segnalare alcuni principi imprescindibili per l'utilizzo della struttura.

Cepagatti, per il campo comunale si va verso la soluzione di un contenzioso da 39mila euro

In relazione al debito del gestore con l’amministrazione comunale di Cepagatti, la società sportiva Torre Alex sanerà il dovuto attraverso una rateizzazione della somma (coperta da polizza fidejussoria). L’importo è pari a 39mila euro ed è derivante dal rimborso delle utenze (acqua, luce e gas) già anticipate dal Comune in questo periodo. Tale situazione debitoria avrebbe spinto la Torre Alex a prevedere l’ipotesi di non accesso al campo alle associazioni sportive Futura Cepagatti e Red Devils che, pur usufruendo dell’impianto, verserebbero, a loro volta, in stato di morosità nei confronti dello stesso gestore.
Alla luce di questi fatti il sindaco Sirena Rapattoni è intervenuto per ripristinare rapporti improntati alla legalità e alla tutela del diritto allo sport e all’associazionismo, nell’interesse dei cittadini. In una lettera alle tre associazioni ha quindi fissato dei paletti.
“L’Amministrazione Comunale, per tutelare non solo il bilancio locale, ma anche gli stessi cittadini, ha dovuto richiedere formalmente il versamento delle somme dovute dall’asd Torre Alex nei modi previsti dai regolamenti vigenti” – ha scritto il primo cittadino in una lettera indirizzata alle tre associazioni. In merito ai rapporti tra gestore e associazioni sportive, verosimilmente “regolati a mezzo di specifiche convenzioni”, il sindaco ha voluto rimarcare che “l’impianto Marcantonio è un bene di proprietà del Comune destinato a un pubblico servizio e dunque sottoposto a un vincolo funzionale coerente con la vocazione ad essere impiegato in favore della collettività cepagattese per attività di interesse generale.
 Ogni volta in cui la conduzione degli impianti mette a rischio l’effettivo godimento del diritto allo sport e la pratica dello stesso ci si trova in una situazione patologica che evidentemente non è coerente con lo spirito dell’affidamento effettuato”, fa notare il primo cittadino nella lettera riferendosi alle ultime vicende.
Il sindaco, che si riserva di “verificare la correttezza dei comportamenti o piuttosto l’arbitrarietà degli stessi”, sollecita la Torre Alex ad attuare iniziative “coerenti con lo spirito e la natura” dell’impianto e mirate a “garantirne il funzionamento” per le finalità sportive, nella massima collaborazione con tutte le associazioni locali.

 

Guarda anche

Transizione Digitale ed Ecologica: le aziende si confrontano con le istituzioni

Si è tenuto, presso la Sala Verde dell’Interporto d’Abruzzo, il convegno dedicato al contributo della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × due =