lunedì , 6 Dicembre 2021

Porto di Pescara. Sui progetti della diga Foranea e della barriera soffolta la Regione sospende l’iter di V.I.A.

Chiesta la certificazione
della corrispondenza delle opere
con il Piano Regolatore Portuale vigente.

Pescara – La Regione Abruzzo con una nota dell’11 gennaio scorso ha chiesto al Provveditorato alle Opere Pubbliche di certificare che le opere proposte per il Porto di Pescara, l’intervento sulla Diga foranea e la barriera soffolta, siano corrispondenti al Piano Regolatore Portuale vigente.

La questione commenta il Forum Acqua abruzzse  è assai delicata ed era stata sollevata nelle osservazioni ai due procedimenti presentate dalle associazioni.
«Infatti il Provveditorato negli elaborati progettuali aveva evidenziato che i due progetti si ponevano nel solco degli interventi previsti dal nuovo e contestatissimo Piano Regolatore Portuale che, però, come è noto, non è stato ancora approvato –spiegano i coordinatori H2o–

La forzatura è evidentissima e non fa altro che evidenziare la volontà di mettere tutti davanti al fatto compiuto imponendo un Piano regolatore portuale faraonico e fuori scala rispetto al contesto cittadino iniziando a costruire le opere prima ancora della sua approvazione da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Ricordiamo che il Provveditorato ha già incredibilmente appaltato le due opere»

Il forum Acqua è convinto che i progetti siano da rigettare immediatamente “per le gravissime conseguenze sugli aspetti di sicurezza idraulica di Pescara e della navigazione già ricordati precedentemente”.

 

La nota della Regione

Schermata 2016-02-01 alle 11.43.09

Guarda anche

Veleni in falda attorno alle discariche 2A e 2B a Bussi, vaste 7 ettari: Forum H2O “capping palliativi” Acerbo (PRC) “bonifica integrale”

Tre anni persi a causa della illegittima revoca da parte dei dirigenti ministeriali della gara per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 4 =