giovedì , 1 Ottobre 2020

Nasce la “Piccola Orchestra Tiburtina” il primo ensemble di chitarra a Pescara

Pescara – Si chiama piccola orchestra Tiburtina ed è il primo ensemble chitarristico a nascere a Pescara con il patrocinio del Comune e con la sinergia fra Conservatorio Luisa d’Annunzio, Liceo Musicale Misticoni-Bellisario e Biblioteca regionale Di Giampaolo. Oggi la presentazione, a giugno il primo evento a cura del fondatore, il maestro Francesco Ciancetta.

La Musica d’Insieme rappresenta sicuramente uno dei momenti più significativi della carriera di un musicista. Una forma d’espressione che è materia di studio nei Conservatori e nelle Scuole di Musica meglio organizzate ed attente alla preparazione degli allievi. Successivamente diventa una parte importante del repertorio di ciascun musicista, dato che tutti i compositori hanno scritto pagine bellissime affidate all’esecuzione di più strumenti. In questo senso prende corpo il progetto di costituire un’Orchestra di Chitarre, la cui attività sia di stimolo per il raggiungimento di una cultura musicale più ampia possibile.

Inoltre, per i ragazzi, rappresenta un momento di aggregazione, di confronto e quindi di crescita personale.

Perché un Ensemble
Chitarristico?

Al di là della sua enorme diffusione, la chitarra è uno strumento che, per le sue caratteristiche fisiche, è spesso destinato a suonare da solo, i suoi volumi ridotti difficilmente si adattano all’inserimento in gruppi da camera dove sono presenti voci come quelle degli archi o dei fiati o addirittura di un pianoforte.

Da qui l’idea di unire
la chitarra alla chitarra.

Idea raccolta e promossa con grande entusiasmo da alcuni compositori che hanno dedicato all’Orchestra di Chitarre musiche di notevole rilevanza artistica (P. Hindemith, R. Dyens, L. Brouwer, ecc.).

Tra l’altro, essendo una formazione ancora relativamente sconosciuta, gode di un forte senso di originalità. Il progetto si rivolge principalmente agli allievi dei corsi di chitarra con il coinvolgimento del Conservatorio, del Liceo Musicale e di altre realtà presenti sul territorio, dando loro l’opportunità di vivere un’esperienza rilevante nell’arco della preparazione musicale. L’obiettivo è lo studio di un programma da concerto che comprenda, oltre a musiche composte appositamente per questo organico, anche brani “presi in prestito” dal repertorio classico, flamenco e jazz, opportunamente arrangiate ed adattate.

“Presentiamo una bella e speciale esperienza che nasce in una parte cosiddetta sensibile della città –ha spiegato l’assessore Giovanni Di Iacovo – La Piccola Orchestra Tiburtina porta il nome di una zona dove mancava una presenza legata alla musica. Bella la valenza simbolica: Tiburtina è una via antica, nata per unire realtà diverse e quindi è un invito a cercare iniziative che fanno della partecipazione il proprio scopo. Bello anche il sodalizio con la biblioteca, l’orchestra ha sede presso la Di Giampaolo, un luogo della cultura che si sta aprendo sempre più alla città per diventare luogo di incontro, specie in zone dove da molti anni non ci sono realtà autoctone in tale senso. L’obiettivo strategico è quello di diventare un’attrazione culturale capace di creare aggregazione, un po’ com’è accaduto a Roma con l’orchestra di Piazza Vittorio che è un fenomeno musicale, ma insieme anche culturale, sociale e multietnico. La chitarra è poi un linguaggio universale per appassionarsi alla musica: sono felice che questo cammino sia iniziato anche sotto l’egida comunale, lo documenteremo e lo faremo diventare un evento per raccontarlo ancora meglio proprio attraverso la musica”.

 

“Una sinergia importante e abbastanza inedita – è stato il commento del maestro Francesco Ciancetta – Delle istituzioni che uniscono le forze e diventano enti patrocinanti per costituire un’orchestra di chitarre. Si stanno coinvolgendo tutte le realtà più importanti del territorio dal Conservatorio, al liceo Misticoni-Bellisario, che ci hanno dato subito la propria disponibilità una volta scoperto il progetto, nato per caso proprio durante uno degli appuntamenti musicali della Biblioteca. Il nome deriva dalla voglia di riconoscersi in un posto e la Tiburtina, come detto collega tantissime realtà importanti, fino ad arrivare a Roma: unisce, come unisce la musica che consente di crescere e far crescere. La biblioteca è alla Tiburtina, che si trovano in un quartiere ai margini, una ragione di più per realizzare l’orchestra e renderla un prodotto bello e aggregante. Ieri abbiamo avuto il primo incontro con una decina di ragazzi che arrivano anche da zone limitrofe, da Chieti, Moscufo, da tutto il territorio. La costruiremo con un repertorio classici per orchestra tratto da autori come Duarte, Brower, ma senza rinunciare anche a trascrizioni dalla musica operistica che è il nostro fiore all’occhiello. Il primo concerto lo faremo al completo, pensiamo a giugno, al momento siamo pronti ad accogliere per realizzare un sogno e dare ad un progetto bello e avvincente cuore e gambe per prendere forma”.

La “Piccola Orchestra Tiburtina” nasce con il Patrocinio di importanti Istituzioni.
Hanno raccolto infatti l’invito il M° Massimo Magri, Direttore del Conservatorio di Musica “L. D’Annunzio”, la dott.ssa Gabriella Consolazio, Dirigente Scolastico del Liceo Musicale “Misticoni-Bellisario”, il dott. Oriano Notarandrea, dirigente della Agenzia di Promozione Culturale della Regione Abruzzo e il dott. Giovanni Di Iacovo, Assessore alla Cultura del Comune di Pescara.

Le prove, con cadenza quindicinale, si terranno nei locali messi a disposizione dalla Biblioteca Regionale “Di Giampaolo”.
Il M° Francesco Ciancetta curerà l’organizzazione, il repertorio e la direzione dell’Orchestra.

loc-Corso-Biblioteca-copia

Guarda anche

“Il sabato del restauro” il progetto di recupero della scala del Museo Cascella

Pescara – Sarà come entrare nel cuore di un’opera d’arte. La Fondazione Genti d’Abruzzo ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 1 =