mercoledì , 17 gennaio 2018
Home » Focus » Ambiente » Earth hour, il Comune di Lanciano aderisce a progetto WWF

Earth hour, il Comune di Lanciano aderisce a progetto WWF

Lanciano – Il Comune  aderisce all’evento mondiale di sabato 19 marzo “Earth Hour”, il progetto che prevede lo spegnimento delle luci pubbliche in alcuni punti delle città che aderiscono per un’ora, dalle 20.30 alle 21.30.

L’Amministrazione Comunale in occasione dell’evento spegnerà le luci del Palazzo Municipale di piazza Plebiscito, Monumento ai Caduti, Torre Civica, Cattedrale Madonna del Ponte, aderendo così all’appello globale del WWF nella lotta al cambiamento climatico.

“Raccogliamo volentieri l’invito dell’associazione WWF Zona Chieti-Pescara e Zona Frentana per il tramite dei rispettivi presidenti Luciano Di Tizio e Ines Palena. L’obiettivo è quello di sensibilizzare tutti noi al risparmio energetico e all’attenzione massima verso fonti rinnovabili di energia per una maggiore sostenibilità ambientale della nostra presenza sulla Terra: tutti siamo responsabili del cambiamento climatico in atto e tutti dobbiamo contribuire nel nostro piccolo ad invertire la rotta”, dichiara il Sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, che in qualità di Presidente della Provincia di Chieti ha ufficialmente invitato ad aderire tutti i Comuni della Provincia.

Earth Hour (Ora della Terra) è la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico. Dalla prima edizione del 2007, che ha coinvolto la sola città di Sidney, la grande ola di buio si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta, lasciando al buio piazze, strade e monumenti simbolo come il Colosseo, Piazza Navona, il Cristo Redentore di Rio, la Torre Eiffel, Il Ponte sul Bosforo e tanti altri luoghi simbolo, per manifestare insieme contro i cambiamenti climatici.

Guarda anche

Il Comitato VIA conferma in pieno il giudizio del 27 marzo scorso che “bocciava” Megalò2

Con un parere “meramente confermativo” il Comitato VIA della Regione Abruzzo ha ribadito al 100% il giudizio 2775 del 27 marzo scorso: “Rigetto di istanza di proroga del Giudizio VIA del 1925/2012…”. «In pratica –annuncia il WWF abruzzese– resta valida la “bocciatura” già espressa in quella data: essendo stata negata la proroga, il procedimento è decaduto e a questo punto i comuni di Chieti e Cepagatti dovranno prenderne atto e revocare i titoli edilizi a suo tempo concessi, come il WWF ha chiesto con una propria diffida già da diversi giorni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 11 =