sabato , 15 Giugno 2024

Chieti, sito di stoccaggio Colle Sant’Antonio: la Regione conferma il finanziamento per la bonifica

L'incendio alla discarica di Colle Sant'Antonio

Chieti – Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, questa mattina ha partecipato, a Pescara, alla riunione convocata dal dirigente del Dipartimento Opere Pubbliche, Governo del Territorio e Politiche Ambientali/Servizio Gestione Rifiuti della Regione Abruzzo, dott. Franco Gerardini, per definire il percorso da intraprendere per raggiungere la piena messa in sicurezza del sito di stoccaggio di Colle Sant’Antonio, a seguito dell’incendio divampato a giugno 2015.

“La Regione sta facendo la sua parte per il ripristino ambientale del sito. Insieme al sindaco di Chieti e ai rappresentanti di tutte le istituzioni coinvolte è stato individuato un percorso che consentirà la completa rimozione di 5.250 metri cubi di rifiuti, combusti e incombusti, liberando così il territorio da una situazione che, anche se al momento non presenta dati allarmanti, va considerata un pericolo potenziale da non sottovalutare”. Così il Sottosegretario con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, ai margini della riunione convocata a Pescara dal Servizio gestione rifiuti per la bonifica del sito di stoccaggio di Colle Sant’Antonio. Alla riunione hanno preso parte, oltre al Sottosegretario, al dirigente e ai funzionari del Servizio gestione Rifiuti della Regione, i sindaci di Chieti e di Bucchianico, un rappresentante dell’Arta e un rappresentante della Prefettura di Chieti.
Nel corso dell’incontro è stata delineata una ‘road map’ degli adempimenti in capo a ogni soggetto coinvolto con relativo cronoprogramma la cui attuazione sarà immediata.

«Nel corso della riunione – ha dichiarato il Sindaco Di Primioil rappresentante dell’Arta/Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente, ha confermato che i rifiuti campionati nel sito di stoccaggio, sia quelli combusti che quelli incombusti, non sono pericolosi, così come sono al di sotto dei limiti previsti, i valori sui campionamenti delle acque di dilavamento. L’obiettivo ribadito nel corso della riunione – ha proseguito il Sindaco – è quello di mettere in sicurezza il sito, liberandolo da tutti i rifiuti.

La strada da percorrere vedrà, dunque, una serie di adempimenti da parte di tutti, in particolare, l’Arta definirà i codici cer di smaltimento dei rifiuti e il Comune insieme alla Regione definirà il progetto per tale smaltimento. La Regione Abruzzo – ha aggiunto il Sindaco – ha confermato, inoltre, il finanziamento della spesa di bonifica del sito, attraverso un impegno economico nel redigendo bilancio regionale 2017. Con moderato ottimismo – ha concluso il Sindacoauspico che entro il 2017 il sito venga liberato dai rifiuti».

 

Guarda anche

Creatività senza etichette: al via ad Atri l’edizione 2024 di “Arte no caste”

Dall’1 al 15 giugno alle cisterne romane di Palazzo Duchi d’Acquaviva l’evento che coinvolge ben 60 artisti. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *