giovedì , 9 luglio 2020
Home » Focus » News » Pescara: Mense, il pasto costa 51 centesimi in meno

Pescara: Mense, il pasto costa 51 centesimi in meno

Giovanni Di Iacovo

Pescara – Passa da 4,07 euro a 3,56 a pasto la nuova tariffa della refezione  scolastica comunale. Si tratta di una riduzione di 51 centesimi che è una buona nuova che si aggiunge ad una vera e propria rivoluzione del servizio che partirà dal prossimo 3 ottobre con un nuovo appalto aggiudicato all’ATI Cir Food s.c. – Bioristoro Italia e che ha come priorità la qualità e sostenibilità delle materie prime scelte e cucinate per i ragazzi.

“Un appalto che innova sensibilmente il servizio e porta tantissime novità  che illustreremo dettagliatamente al più presto – Così il sindaco Marco Alessandrini con l’assessore all’Istruzione Giovanni Di Iacovo (nella foto) –  Fra le più rilevanti c’è l’abbassamento sensibile delle tariffe dei pasti, un risparmio che avevamo annunciato e che ci ha consentito di venire incontro alle famiglie, assicurando però una qualità maggiore, menù studiati e calibrati, a km zero e stagionali, con la possibilità di “partecipare” attivamente al servizio perché sia migliore.

Presto, infatti, si terrà anche la prima riunione della Commissione mense, nuovo organismo formato da tecnici, consiglieri e rappresentanti dei genitori, voluto dal Comune perché i cambiamenti di cui il servizio si fa portatore, fossero condivisi con la comunità.

Questo perché variamo con orgoglio una svolta davvero epocale:  il bando ha durata quinquennale, un importo complessivo pari a 16.698.352,56 e interessa gli anni scolastici 2015/16 fino e non oltre il 30 giugno del 2019/20. Una rivoluzione cercata e voluta perché riguarda la salute dei nostri ragazzi e perché la Pubblica Amministrazione deve poter proporre modelli di efficienza, tenendo alta la qualità e guardando anche ad economie di scala. In questo modo e grazie ad un poderoso lavoro degli uffici che non ha precedenti, siamo riusciti ad accorpare  una serie di servizi in unico e robusto bando da 16,7 milioni di euro, per migliorare il servizio e abbassare anche i costi, generando risparmi non solo per l’Ente, visto che il servizio è dato in concessione, ma soprattutto per le famiglie. Il Comune di Pescara con la tariffa di 3,56 euro a pasto diventa un esempio virtuoso a livello sia regionale che oltre.

Questo traguardo, che peraltro non era scontato, è stato costruito insieme ad altri compagni di viaggio, che saranno ulteriori garanti della qualità a cui il nuovo servizio punta: già da due anni collaboriamo con Coldiretti e l’associazione ISA che si occupa di prevenzione sanitaria e alimentare, perché il materiale richiesto per le mense sia stagionale, territoriale e a filiera corta.

Ora questa che sembrava una lontana ambizione diventa realtà dal 3 ottobre e saremo noi i primi controllori, perché se è diritto di ogni bambino avere cibo buono, di qualità e sano, è un preciso dovere e, in questo caso, volere dell’Amministrazione, fare in modo che tale diritto sia diffuso e reale”.

 

Guarda anche

Coronavirus: in Abruzzo 2 nuovi casi positivi al Covid-19, dati aggiornati al 1° luglio

Pescara – In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3289 casi positivi al Covid 19, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 15 =