giovedì , 24 Settembre 2020

Pescara, presentato il calendario del Museo delle Genti d’Abruzzo VIDEO

Pescara. Inizia domani, giovedì 20 ottobre, la rassegna “Museo E-20”, il calendario di iniziative serali del Museo delle Genti d’Abruzzo che unirà cultura, territorio, musica e arte. Con diverse formule d’ingresso, dal giovedì alla domenica sarà infatti possibile assistere a concerti, spettacoli teatrali, mostre e degustazioni guidate dalle 20 in poi.

“Oggi sono particolarmente felice – ha sottolineato l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara, Giovanni Di Iacovo – perché nonostante le difficoltà ed i problemi da superare, adesso finalmente entriamo in una fase in cui andremo a presentare la programmazione con la Primavera che sta vivendo il Museo delle Genti d’Abruzzo. I segnali buoni di crescita, di rilancio, di idee permettono al Museo di essere vissuto, conosciuto e a fruire di tutte le competenze della nostra comunità di Pescara che ha avuto già nei mesi scorsi diverse iniziative che hanno riportato molte persone al Museo delle Genti d’Abruzzo che normalmente non lo avevano frequentato. È una cosa che mi ha stupito piacevolmente vedere tante persone, tanti ragazzi che frequentano quel calderone ricco di iniziative che valorizzano non solo il Museo in se per se ma anche quell’istituzione importante di questa regione che prima non si conosceva. Quindi io credo che il Museo delle Genti d’Abruzzo sia un fornaio di tecnologia hardware, adesso bisogna inserirci il software, cioè bisogna inserirci dei calendari, delle idee, delle iniziative che facciano vivere questo Museo e tutti i settori di questa città con la cultura, la socialità, le manifestazioni e tutti i suoi aspetti. Questo già è avvenuto in questi mesi e ringrazio moltissimo il nuovo Consiglio di Amministrazione. Adesso posso vedere in maniera più concretizzata la programmazione robusta in cui c’è la presenza del Teatro Immediato che è una delle realtà teatrali più amate e frequentate della città che avrà una sua integrazione positiva nelle attività del Museo delle Genti d’Abruzzo con un format molto interessante e nuovo per questa città con uno spettacolo che ha avuto tanto successo e riconoscimenti che sarà replicato ogni domenica in una specie di novità. Sarà replicato per il pubblico che hanno diversi ambiti da visitare. Ringrazio Piero Delle Monache per le iniziative del giovedì dedicate alla musica di qualità. Poi abbiamo iniziative del gusto ed iniziative che ci permettono di riscoprire le parti più belle della nostra città”.

Domani 20 ottobre, a partire dalle 20 (inizio concerto ore 21.30) prenderà il via “Solo al Museo”, la rassegna curata da Piero delle Monache che proporrà grandi musicisti uniti dalla caratteristica di presentare spettacoli “in solo”: dal kjazz alla world music, nel suggestivo spazio del Bagno Borbonico si alterneranno, all’interno di un cartellone dal respiro decisamente internazionale, artisti come Roberto Zanisi, Erica Mou, Arsene Duevi, Susanna Stivali, Federico Farrandina e tanti altri. Gli spettatori visitatori potranno optare tra più di una formula d’ingresso, scegliendo se aggiungere al concerto delle 21.30 la degustazione di piatti tipici presso le sale del Museo del Gusto che ha inizio alle 20. Il primo appuntamento, giovedì 2° ottobre, è con Valerio Scrignoli, che reinterpreterà i brani più celebri del musical “Jesus Christ Superstar” in un concerto per chitarra elettrica solista ed effetti elettronici.
Venerdì 21 ottobre dalle 20 è in programma invece la prima serata di “Venerdì di gusto”, l’appuntamento settimanale incentrato sulla presentazione del territorio abruzzese attraverso le storie narrate dai suoi prodotti agroalimentari e dai loro produttori del Museo del Gusto, il nuovo spazio del Museo delle Genti dedicato alla scoperta delle dimensione culturale del cibo. Ne curerà la programmazione Giorgio Suriani, maestro assaggiatore e guida del gusto, che proporrà agli appassionati degustazioni, approfondimenti, corsi, presentazione di prodotti, produttori e territori, serate tematiche, il tutto all’insegna del buon gusto e della scoperta e della valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche abruzzesi. Il primo appuntamento è dedicato a uno degli ultimi pastori delle montagne intorno a Scanno, Gregorio Rotolo, e ai suoi formaggi a latte crudo di pecora e di capra. Alcuni protagonisti dei prossimi appuntamenti con “Venerdì di gusto” sono le eccellenze delle terre casauriensi (28 ottobre); porchetta e spumanti abruzzesi (4 novembre), l’antica tradizione pastaia dell’antico pastificio Verrigni (11 novembre), i grani antichi e le nuove produzioni olivicole (25 novembre), i vini Masciarelli (2 diicembre), i prodotti di Vasto e dell’alto Vastese (9 dicembre), i 230 anni di storia della produzione sulmonese dei confetti Pelino (16 dicembre).

Ogni sabato sera, per “Degustazioni sonore”, a partire dalle 20.30 saranno allestite delle isole del gusto direttamente all’interno delle sale espositive del Museo delle Genti d’Abruzzo, con i prodotti e i piatti più rappresentativi dell’Abruzzo. A seguire, alle 22.30 circa, concerti e spettacoli programmati tra Sala Favetta, Auditorium Petruzzi e Bagno Borbonico. Sarà possibile accedere a entrambi gli eventi o a uno solo, a seconda delle formula d’ingresso scelta.

Frutto della collaborazione fra il Teatro Immediato e il Museo delle Genti d’Abruzzo, è invece la proposta di “Teatro al Museo” con la messa in scena di “Caprò”, lo spettacolo di Vincenzo Mambella diretto e interpretato da Edoardo Oliva, alle 18.30 nello spazio del Bagno Borbonico. “Caprò” è ispirato alla vicenda ammantata di mito della nave Utopia, un bastimento inglese gravido di emigranti italiani che affondò davanti al porto di Gibilterra il1 7 marzo 1891. L’affondamento fu rapido e provocò la morte di quasi 600 viaggiatori di terza classe, per lo più contadini italiani che nell’emigrazione vedevano una possibilità di riscatto e di benessere. Tra loro 14 abruzzesi di Fraine, in provincia di Chieti. caprò è uno di loro, un solo uomo, un anonimo contadino di fine Ottocento che si agita su un fazzoletto di terra con i pochi oggetti che scandiscono la sua vita.

Sabato 22 ottobre il Museo si presenterà ai cittadini nell’evento speciale a ingresso gratuito “Museo Open”: un vero e proprio open day che riunirà tutte le nuove, tante attività della Fondazione. Si comincerà con le iniziative riservate al mondo della scuola e delle famiglie, a cura dello staff del Centro Didattico Sperimentale “Barberini-Laporta” (ore 17); seguirà, presso il nuovo spazio della Galleria Fotografica, l’inaugurazione della mostra “La Selva Chiara”, personale di Paolo dell’Elce curata da Mariano Cipollini che, insieme ad “Entreveu” di Evgenia Tolstykh al Museo del Gusto, apre la stagione della foto d’autore 2016-2017 (ore 18). Si concluderà con “Un futuro per Amatrice”, un’iniziativa di solidarietà a favore dei terremotati del Centro Italia che comprende il laboratorio sulla Saltarella di Amatrice a cura di Alessandra Calabrese e Franco Moriconi (ore 18, quota di partecipazione 10 euro) ed il concerto con ballerini e suonatori di Amatrice in Sala Favetta (dalle 21.30 in poi). Dalle 21-15, inoltre, si aggiungeranno le degustazioni di prodotti tipici all’interno delle sale espositive del Museo delle Genti d’Abruzzo.

Il lungo weekend del Museo comprende anche, domenica 23 ottobre alle ore 17 “Artisti in soccorso”, la prima delle due aste benefiche in favore dei comui di Amatrice e Arquata del Tronto (la seconda è in programma il 4 dicembre). Verranno aggiudicate al miglior offerente 35 opere di Tommaso Cascella, Bruno Ceccobelli, Marco Cingolani, Giuliano della Casa, Fabio De Poli, Marcello Diotallevi, Giovanni Fontana, Mark Kostabi, Franco Mulas, Giulia Napoleone, Ugo Nespolo, Medhat Shafik, Oscar Piattella, Lamberto Pignotti, Antonio Possenti, William Xerra, scelte tra quelle esposte nella mostra, ancora in corso, “Percorsi d’Arte contemporanea nel Museo”.
Tutti i dettagli su programma vengono pubblicati e aggiornati sul sito del Museo (www.gentidabruzzo.it) e sulla pagina Facebook: per info e prenotazioni ci si può rivolgere ai numeri 085.4510026 e 327428127.

“Intanto vorrei sottolineare una rinnovata volontà nel Consiglio di Amministrazione – ha detto il presidente della Fondazione Genti d’Abruzzo, Roberto Marzetti – che finalmente è un Consiglio che opera e questo è un fatto molto positivo. In secondo luogo il rapporto che abbiamo con l’amministrazione comunale, il Museo è di proprietà del Comune dal quale sostanzialmente arrivano i finanziamenti, le sale che utilizziamo ci sono date in comodato d’uso, quindi questo rapporto è significativo. Vedremo come far diventare la cultura uno degli elementi di rilancio dell’immagine della città, ma anche un’opportunità economica. Le iniziative di cui parliamo non coincidono con la data di apertura del Museo, quindi sono attività ulteriori che si svolgono nel momento in cui il Museo sarebbe chiuso e si fanno gli spettacoli teatrali, musicali, degustazioni di prodotti tipici abruzzesi, con focalizzazioni su aree geografiche di degustazione per esaltare queste nstre tipicità regionali. Tutto questo è in commistione con il Museo, il sabato pomeriggio le degustazioni si fanno nei corridoi del Museo, quindi proprio di fronte alle sale. Le stesse mostre sono state illuminate con un nuovo sistema di illuminazione, quindi anche le mostre sono all’interno delle sale museali. Quindi questa commistione rappresenta un nuovo modo di concepire il Museo che non sarà un elemento statico che lo si va a visitare una volta sola, ma diventa dinamico. Queste sono tutte le iniziative che vogliamo portare avanti, stiamo pensando anche ad una serie di mostre di valenza non solo nazionale ma anche internazionale. Quindi siamo in trattativa per una serie di iniziative che non siano di pescaresi per i pescaresi, ma si tratta di un modo per veicolare l’immagine della nostra città in un circuito internazionale. Lo sforzo ce lo mettiamo, la cosa non è facile, ma è tutto da vedere”.

Guarda anche

A Caramanico Terme la cultura della montagna si unisce alle arti visive e alla letteratura

Caramanico Terme. La cultura della montagna si unisce alle arti visive e alla letteratura. Accade …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =