lunedì , 19 Aprile 2021

Pianella è polemica per gli autovelox: botta e risposta tra Filippone e D’Amico

Pianella –  “Il Comune di Pianella fa cassa con gli Autovelox a danno della collettività” è quanto afferma in una nota stampa il Consigliere Comunale di minoranza, Gianni Filippone che ha rimproverato al  Sindaco di Pianella Marinelli di aver promesso con l’arrivo degli autovelox con le colonnine nei punti più pericolosi “ non faremo stragi di multe” Filippone cita anche nell’articolo apparso su un quotidiano del 24 Aprile 2015 dove si affermava che “….gli Speed Control non avrebbero una funzione punitiva nei controlli degli automobilisti, non servirebbero quindi a fare cassa, ma a scoraggiare l’alta velocità”.  Ma c’è di più Filippone additando l’amministrazione Marinelli scrive di come questa sia passata da un incasso di circa €100.000,00 del Bilancio 2016 ad un incasso ipotetico di € 130.000,00 nel Bilancio previsionale 2017, “quindi –commenta Filippone–si evince la volontà di incassare di più a discapito dei cittadini.
Pronta la  la replica del gruppo di maggioranza al comune di Pianella alle affermazioni del consigliere di Filippone,“Si tratta dell’ennesimo, quanto preoccupante tentativo di mistificare la realtà attraverso propaganda elettoralistica – ha affermato la capogruppo di maggioranza Luisa D’Amico – in quanto si persevera nel fornire informazioni distorte che non tengono in minimo conto gli aspetti di legittimità che presiedono all’attività della Pubblica Amministrazione”.

“A Pianella non si vuole colpire con sanzioni solo gli automobilisti che scambiano le strade della Città per piste da corsa, –aveva scritto Filippone– ma si vuole cassa, in quanto si applica tassativamente il codice della strada, cioè il limite scatta a 56 Km orari, ridotti per legge di 5 Km, quindi si comincia a prendere multe da 51 Km orari. Da informazioni acquisite le amministrazioni dei comuni vicini, invece, fanno multe con l’autovelox solo a chi crea l’effettivo pericolo, considerando la pericolosità dei tratti della viabilità, verificando il numero di incidenti avvenuti nelle strade interessate”.

Secondo Filippone i Pianellesi possono prendere più volte al giorno multe per autovelox a 51 Km orari. “Si sono stufati di sentire le false promesse dell’amministrazione Marinelli, ma vogliono capacità concrete per tutelare i cittadini e risolvere concretamente i problemi della viabilità e non tartassare con multe senza senso i cittadini. Io non sono per la trasgressione delle regole,–conclude Filippone– ma per colpire chi crea l’effettivo pericolo, come avviene nei Comuni vicini. L’Amministrazione Marinelli è capace solo di fare false promesse ai cittadini! Occorre lavorare per dare risposte a tutti, delle risposte serie e concrete!”

La capogruppo di maggioranza Luisa D’Amico rispondendo alle accuse mosse da Filippone nella nota di replica, scrive:

“E’ bene evidentemente ribadire che gli autovelox, 4 in tutto, installati sul territorio comunale sono posizionati, con una periodicità di circa 4 giorni per mese all’interno della postazione fissa permanente da oltre due anni e, quindi, risultano perfettamente noti e visibili da tutti, proprio. Dopo un confronto con i cittadini gli stessi sono stati collocati in zone residenziali dove si registravano continui pericoli per l’incolumità delle persone, dato che gli automezzi, nonostante i limiti previsti, viaggiavano anche al doppio della velocità prevista. L’auspicato “effetto deterrente” ha sortito subito ottimi risultati dato che la situazione è notevolmente migliorata, aggiunge l’assessore; inoltre l’amministrazione comunale pubblicizza in ogni modo ed in via preventiva, sia sul sito comunale che sulla pagina facebook, i giorni di attivazione del controllo e sul posto è sempre presente la vettura della polizia municipale ed almeno un agente, con ciò dimostrando con fatti inconfutabili come l’unico obiettivo perseguito sia indiscutibilmente quello della sicurezza collettiva”.

D’amico poi spiega come per migliorare l’obiettivo di sicurezza integrato con il nuovo sistema di videosorveglianza, dopo alcune sperimentazioni, l’amministrazione comunale abbia deciso di aderire alla richiesta proveniente dalla cittadinanza ed aggiungere per l’estate 2017 alcune attivazioni notturne “che, ovviamente, hanno generato una previsione di maggiori entrate ed ovviamente anche di maggiori uscite, ma questo presuppone una capacità di lettura analitica del bilancio comunale che evidentemente non si può esigere dal consigliere Filippone”.

“Se a ciò aggiungiamo che le sanzioni scattano quando si supera la soglia di tolleranza dei 55 km/h e non applicando il personale codice della strada di Filippone – conclude la capogruppo – appare evidente come alcuni consiglieri di minoranza si adoperino in una poco onorevole attività che, nello strizzare l’occhio ai comportamenti sanzionati dal codice della strada, mette di fatto in pericolo l’incolumità di gran parte dei residenti e soprattutto delle fasce più esposte come i bambini, con i quali, invece, grazie al lavoro del comando di Polizia Municipale, stiamo portando avanti da due anni una serrata attività didattica, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo, sul corretto comportamento degli utenti della strada, che non lasceremo certo vanificare da atteggiamenti inaccettabili per chi ricopre una funzione pubblica .”

Guarda anche

Montesilvano, De Martinis incontra il parlamentare Zennaro (Lega)

Montesilvano – Il sindaco Ottavio De Martinis ha ricevuto a Palazzo di Città il deputato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − dodici =