giovedì , 19 luglio 2018
Home » Polis » Città » Popoli, Lattanzio “Che fine hanno fatto i lavori dell’Anas sulla strada statale 5?”

Popoli, Lattanzio “Che fine hanno fatto i lavori dell’Anas sulla strada statale 5?”

Popoli – Che fine hanno fatto i lavori dell’Anas sulla strada statale 5 (Tiburtina) nel tratto che da Pescara conduce a Sulmona? Lo chiede in una nota stampa il consigliere comunale di Popoli Mario Lattanzio.

Lattanzio ricorda come l’Anas  avesse previsto (dal comune di Popoli a Corfinio) l’eliminazione delle curve pericolose e la variazione del piano altimetrico, con la realizzazione di una rotatoria con un finanziamento di circa 3 milioni di euro. “Nel 2010, –ricorda Lattanzio ex assessore provinciale–, ho curato per conto dell’Anas, tramite la Provincia, il rilascio dei vari permessi (ufficio Via, Regione ecc.) ma ad oggi, dopo sette anni, Anas non è ancora riuscita ad appaltare i lavori.
Intanto il tratto più trafficato che conduce al casello autostradale di Pratola Peligna, a Sulmona, Roccaraso, Castel di Sangro, Napoli resta pericoloso ed è teatro di molti incidenti, l’ultimo il 6 novembre”.
“Chiedo all’Anas – dice Lattanzio – che si avvii l’iter della gara immediatamente perché è vergognoso che siano trascorsi sette anni nel
nulla.  Mi  auguro – conclude l’ex assessore della Provincia di Pescara – che anche la Regione faccia la sua parte perché se davvero si punta sulle infrastrutture non si può far passare tutto questo tempo invano”.

Guarda anche

Teramo, discariche abusive: ieri primo sopralluogo dei nuovi amministratori comunali

Teramo - A poche ore dall’insediamento, ieri gli assessori Maria Cristina Marroni e Valdo di Bonaventura hanno effettuato il loro primo sopralluogo. Accogliendo le sollecitazioni pervenute dai cittadini residenti, i due amministratori si sono recati nei pressi della Contrada Zaraca per verificare, assieme al vigile ecologico e alle guardie della GADIT, la grave situazione che si verifica nella zona,  a proposito di discariche abusive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − sette =