giovedì , 19 luglio 2018
Home » Focus » Cronaca » Contraffazione, a Montesilvano sequestri al mercato rionale di piazza Indro Montanelli

Contraffazione, a Montesilvano sequestri al mercato rionale di piazza Indro Montanelli

Occhiali di marca contraffatti

Stamani le due pattuglie hanno effettuato un’attività di controllo nel mercato rionale di piazza Indro Montanelli, ponendo sotto sequestro diversi materiali, contraffazioni di grandi case di moda italiane ed internazionali. «Questa operazione – afferma l’assessore alla Polizia Locale, Valter Cozzi – intende arginare un fenomeno che purtroppo interessa i mercati rionali, danneggiando tutti quei commercianti che, con regolari autorizzazioni, lavorano rispettando le regole. Proseguiremo con azioni su questo fronte per tutelare i venditori ambulanti che con fatica e sacrifici portano avanti le loro attività. I prodotti contraffatti, inoltre, rappresentano anche un rischio per la salute di chi li utilizza, perché molto spesso realizzati con materiali nocivi. E’ evidente quindi che il primo grande segnale dovrebbe essere dato dagli acquirenti stessi affinché non si lascino attrarre da prezzi eccessivamente competitivi, comprando prodotti frutto di contraffazione e illegalità. Un plauso – conclude Cozzi – agli operatori della Polizia Locale intervenuti con professionalità ed attenzione».

Guarda anche

Il social degli indignati si scaglia contro il comune di Montesilvano. De Martinis “falso e diffamante”

Montesilvano - «È una vergogna». È la reazione del Vice Sindaco Ottavio De Martinis di fronte all’ennesima notizia diffamatoria diffusa attraverso i social media. «E’ una vergogna come la tecnologia che dovrebbe essere un supporto virtuoso al lavoro umano, sia invece utilizzato per diffondere notizie o completamente false e diffamanti, o la cui veridicità per pigrizia o ignoranza non sono verificate». Il fatto grave a cui il Vice Sindaco si riferisce, è quello di un post, diventato virale sul web, sul caso di un uomo ripreso seduto sulle scale con in mano un cartello con su scritto “Un po’ di elemosine ho fame. Grazie!”. Tramite Facebook viene riferito che il Comune di Montesilvano non si è adoperato per aiutare quell’uomo. Il post è stato poi taggato a molte persone e condiviso a sua volta, a tal punto che la notizia si è diffusa come un virus in tutta Italia restituendo commenti di indignazione, insulti, minacce e molto altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 1 =