venerdì , 24 maggio 2019
Home » Focus » News » Montesivano, le tartarughe rischiano la soppressione, una soluzione per salvarle

Montesivano, le tartarughe rischiano la soppressione, una soluzione per salvarle

Montesilvano – Precedenti gestioni del Parco delle Libertà hanno permesso l’immissione nel laghetto del parco di tartarughe della specie Trachemys scripta scripta. In riferimento al Regolamento di Esecuzione (UE) 2016/1141 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, questa specie è considerata nociva, inoltre il suo abbandono è un reato previsto e punito dall’Art. 727 del Codice Penale.

Non essendo disponibili spazi nei centri di recupero autorizzati nella Provincia di Pescara, la soluzione prevista dalla norma è la soppressione degli esemplari.

Dog Village e Nuovo Saline Onlus escludono per ragioni deontologiche, l’opzione di legge di procedere all’abbattimento degli esemplari, è si optato per mettere in sicurezza gli esemplari per una conservazione “in vita”, impedendogli di transfaunare oltre i confini del laghetto o di minacciare la fauna e la flora presente (questa specie è onnivora), nonché di raggiungere il vicino bacino del fiume Saline, dove la loro proliferazione causerebbe un enorme danno ecologico in un sito già fortemente compromesso.

Il rischio ecologico ambientale dell’abbandono di animali esotici e soluzioni adottate per contenere “in vivo” le tartarughe Trachemys scripta scripta abbandonate nel laghetto del Parco delle Libertà. Questi sono gli argomenti di una conferenza Stampa organizzata da Milillo Gianluca, Presidente Nuovo Saline Onlus e Betoschi Gabriele in rappresentanza del Dog Village che si terrà Giovedi 31 maggio, alle ore 10:00 presso il locale Bar del Parco della Libertà sito in Via Aldo Moro a Montesilvano.

Guarda anche

Carlo Costantini “Apriremo un ufficio dedicato alla disabilità e chiederemo a Carrozzine Determinate di collaborare con l’amministrazione”

PESCARA, - "Una vera città del futuro, come quella che stiamo costruendo, è una realtà a misura di ogni cittadino, una realtà accessibile, priva di barriere architettoniche. L'eliminazione di ogni barriera, da quelle strutturali a quelle culturali, è sinonimo di civiltà ed è la premessa per lo sviluppo del territorio. Si tratta di temi che sono presenti nel nostro programma, questioni da cui non si può prescindere nel progetto di costruzione di una nuova città. Proprio per questo, quando sarò eletto creerò un ufficio dedicato, se non una delega alla Disabilità, e sarò ben lieto di collaborare con le associazioni e con chiunque voglia fornire il proprio contributo". Lo afferma il candidato sindaco per il polo civico 'Faremo Grande Pescara', Carlo Costantini, in risposta all'associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, presieduta da Claudio Ferrante che aveva posto 5 domande sulla disabilità ai candidati sindaco per Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 1 =