mercoledì , 21 agosto 2019
Home » Culture » Turismo » Balneabilità a Montesilvano: il M5S “miracolo di San Gennaro”

Balneabilità a Montesilvano: il M5S “miracolo di San Gennaro”

Montesilvano «“Il “miracolo di San Gennaro” delle acque balneabili si è verificato di nuovo, come apprendiamo dal solito “sobrio” comunicato dell’assessore De Vincentiis. La qualità del mare di Montesilvano risulta eccellente dappertutto» è il commento di  Cristhian Di Carlo, consigliere comunale del M5S Montesilvano all’indomani della diffusione di una nota diffusa dal Comune nella quale veniva annunciata la buona qualità delle acque della costa cittadina.

«Ci chiediamo però come mai questi periodici annunci vengano accolti dai cittadini di Montesilvano sempre con un notevole scetticismo –commenta Di Carlo–  dimostrando che, forse, non ne sono molto convinti.
Tale diffidenza nasce da testimonianze, video, articoli di stampa che riferiscono degli sversamenti in mare dei fossi di scolo, in caso di piogge abbondanti, segnalando schiume, acque scure e maleodoranti».
Il consigliere pentastellato fa sapere che presenterà a tal proposito una interrogazione, nel prossimo consiglio comunale, per sapere se il Sindaco Maragno è a conoscenza di questi fenomeni di sversamento e se, come responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio, ha mai chiesto ad Arta di effettuare dei controlli. «Chiederò a nome dei cittadini se il Sindaco ha inteso, o intenderà, prendere provvedimenti, –spiega Di Carlo– come ordinanze di divieti di balneazione temporanei, semplice misura preventiva e cautelativa della salute.
Difendere l’immagine della città è senza dubbio importante, mettere in campo azioni per preservare e tutelare la salute dei cittadini lo è almeno altrettanto».

Guarda anche

Turismo in Abruzzo i dati bocciano la regione: Confartigianato: “Urge un cambio di rotta per risollevare l’economia abruzzese”

Pescara, 12 luglio – Superano i 6 milioni le presenze turistiche in Abruzzo, nel corso dell’anno 2018, con un’incidenza sul valore complessivo nazionale pari all’1,5%. Ampio il distacco dalle prime tre regioni italiani, che oltrepassano i 40 milioni di presenze: medaglia d’oro al Veneto (con 69.229.094 presenze e un’incidenza del 16,1%), a seguire la Toscana (11,1% e 47.618.085 presenze) e al terzo posto l’Emilia Romagna (9,5% e 40.647.799 presenze). Sono oltre il 50% gli stranieri che visitano il Belpaese, ma a quanto pare la loro scelta non tende a privilegiare l’Abruzzo: solo il 13,7% del totale nazionale trascorre le vacanze nella regione verde d’Europa, mentre gli stranieri superano i due terzi nella Provincia Autonoma di Bolzano (69%) e in Veneto (67,7%), e oltrepassano la metà in Lombardia, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Sardegna e Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + 20 =