sabato , 1 Ottobre 2022

Nuovo tragico incidente su via Vestina

Sono stati proprio i passanti e gli abitanti a portare i primi soccorsi al giovane che presentava una copiosa perdita di sangue dal capo. Qualcuno dai balconi diceva “è morto poverino”, fortunatamente non era così, il giovane pian piano riprendeva coscienza e cercava di muoversi mentre i soccorritori rassicurandolo glielo impedivano.

Nel traffico bloccato, pezzi di lamiere dello scooter accartocciato e irriconoscibile, qualche metro più avanti una scarpa e poco più in là la sua soletta, a più di 10 metri sul ciglio della strada restava immobile il casco.

Non è purtroppo la prima volta che su questo tratto stradale come avvenuto ieri sera si verificano incidenti gravissimi, spesso registrando vittime. I radi controlli specie nelle ore serali e la velocità di molti automobilisti irresponsabili generano questa situazione di grave pericolo. Un problema che preoccupa da tempo gli abitanti della zona, in molti ieri dopo i soccorsi chiedevano perché non ci fossero rallentatori, telecamere o i vigili qui piuttosto che altrove.

I genitori di bambini e gli anziani, lamentavano quanto fosse pericoloso attraversare quel tratto la sera costringendoli a volte a rinunciare a una passeggiata, o a porre la massima attenzione quando obbligati a farlo per poter conferire i rifiuti nei cassonetti.

Il giovane poi rivelatosi un 23enne è stato soccorso da un ambulanza dal 118,  riportando un politrauma con un importante trauma cranico. Sul posto per i rilievi i Carabinieri della Compagnia di Montesilvano.

Guarda anche

San Giovanni Teatino: tragico incidente ferroviario al passaggio a livello

De Angelis (TUA): “Cordoglio per la vittima, emergenza gestita con grande professionalità dal macchinista e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciassette − 5 =