mercoledì , 21 agosto 2019
Home » Sport » Il “Prof” sale in cattedra: la Teate Baske Chieti riabbraccia Dante Falasca

Il “Prof” sale in cattedra: la Teate Baske Chieti riabbraccia Dante Falasca

Chieti. La Teate Basket Chieti è lieta d’annunciare l’accordo con il preparatore atletico Dante Falasca, icona della pallacanestro teatina grazie alla sua militanza pluridecennale al servizio dei colori biancorossi. Il prof. Falasca in Abruzzo non ha bisogno di presentazioni, dove oltre al basket vanta grandi risultati in diversi sport, specie nel calcio a 5. Prof, …

Chieti. La Teate Basket Chieti è lieta d’annunciare l’accordo con il preparatore atletico Dante Falasca, icona della pallacanestro teatina grazie alla sua militanza pluridecennale al servizio dei colori biancorossi.
Il prof. Falasca in Abruzzo non ha bisogno di presentazioni, dove oltre al basket vanta grandi risultati in diversi sport, specie nel calcio a 5.
Prof, in passato, in un’intervista hai definito coach Sorgentone come un “uomo completo”: cosa vuol dire e, alla luce del vostro rapporto lavorativo nel triennio trascorso insieme, che effetto fa tornare con lui sul campo?
“Con Domenico ho vissuto un triennio fantastico – racconta Falasca – che posso riassumere in una promozione, in uno spareggio promozione, dove per pochissimo manchiamo l’accesso alla serie A, e infine in una salvezza raggiunta con una rimonta da 0-2 a 3-2 contro Mantova. Alla luce di questo tempo passato insieme, ho avuto la certezza che Sorgentone sia molto di più di un allenatore di pallacanestro, bensì un “uomo completo” per l’appunto e adesso ti spiego cosa vuol dire: ha la capacità d’andare ben oltre la pallacanestro, ha una cultura talmente vasta che con lui puoi finire a parlare in piena libertà di qualsiasi cosa. Nello specifico, per me che sono diretto e senza filtri, è facile ritrovarmici perchè ascolta sempre tutto ciò che ho da dire, consapevole che lo faccio per il bene della squadra. Con lui ci sono ottimi canali aperti”.
La tua esperienza pluridecennale nel basket teatino ti rende, oltre alle tue qualità umane, un punto di riferimento soprattutto per i ragazzi con i quali lavorerai. Il tuo ruolo va ben oltre la preparazione fisica ma è fondamentale anche per la tenuta mentale della squadra, vero?
“I libri li abbiamo letti tutti, tutti hanno almeno una laurea ma, alla fine, la differenza la fa l’atteggiamento morale verso i ragazzi. So che sia più importante allenare la mente prima del corpo. Ho visto, nel corso degli anni, atleti ottenere grandi risultati soprattutto attraverso un lavoro costante sulla tenuta mentale. E questo ruolo di “confessore” mi spinge a costruire sempre di più con i ragazzi”.
La tua schiettezza è proverbiale e la tua onestà intellettuale è rinomata in tutto l’ambiente tanto che non le mandi a dire a nessuno e non esiti a fare un passo indietro, come in passato. Tornare per la Teate Basket Chieti, con Massimiliano Del Conte e Michele Paoletti tra gli altri, significa che sei completamente convinto della bontà del progetto?
“Le premesse sono ottime. Come hai detto tu, ci sono persone con le quali ho già avuto modo di lavorare e che conosco bene ma, allo stesso tempo, ce ne sono altrettante che non conosco, motivo per il quale sono stimolato ad iniziare. Certamente ce ne passa molto dalla progettualità alla messa in pratica del progetto e solo il campo ci dirà se siamo stati bravi o meno. Però ribadisco che le premesse sono molto buone”.

Guarda anche

Tombesi, due ortonesi in prima squadra: Francescano e Cupido

Ortona. Come annunciato già da alcune settimane, l’intenzione della società per la stagione 2019/2020 è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + sette =