lunedì , 10 dicembre 2018
Home » Polis » Politica » RAPINO E CORDISCO (PD) SU MISURE PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO

RAPINO E CORDISCO (PD) SU MISURE PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO

L’Aquila – “Apprezziamo la posizione espressa da Forza Italia contro la pericolosa assenza del Governo nazionale Lega e M5S in merito alle sospensione delle tasse l’innalzamento del ‘de minimis’ ai cittadini che hanno subito il terremoto. È una triste assenza ancor più pesante se pensiamo che giorni fa i grillini hanno impegnato il Senato per la promozione di manifestazioni culinarie, ritenendo le feste paesane più importanti dello sviluppo dei territori”. A prendere la parola su quanto sta accadendo in questi giorni a Roma, in merito alla discussione in aula alla Camera sulle misure urgenti in favore delle popolazioni delle regioni colpite dal sisma, sono il Segretario regionale del Pd Abruzzo Marco Rapino e il segretario provinciale del Pd di Chieti Gianni Cordisco.

“Siamo lieti che, nell’ex centrodestra, le liste civiche e Forza Italia prendano nette distanze dalla Lega, che sta utilizzando l’Abruzzo come terreno elettorale, mentre ne ignora le vicende profonde che attanagliano i cittadini – continuano Rapino e Cordisco -. Il Governo gialloverde ha steccato e imbrogliato gli abruzzesi sui dossier più sentiti dai cittadini abruzzesi, come la crisi Honeywell, il metanodotto, le tasse post sisma e i piccoli ospedali.

Abbiamo visto che, a tratti, l’ex centrodestra sembra intimidito dalla presenza di Salvini in Abruzzo e ha rinviato la proposta del proprio candidato, Febbo, alla presidenza della Regione. La fuga di cavalli di razza da Forza Italia all’egemonica Lega li ha spaventati e rischiano di portare acqua al candidato presidente deciso dai leghisti. Lega di cui sono opposizione al governo e nei fatti. Probabilmente proveranno a ricomporre la sceneggiatura teatrale del tutti uniti e tutti divisi per avere la tentazione di far vincere  la Lega, ma devono chiarire come si porranno di fronte alle angherie che il governo a guida Lega e M5S sta perpetrando all’Abruzzo: con la grinta degli attacchi al governo di oggi alla kermesse di Forza Italia o con la sudditanza al padrone?

E’ un tema importante per gli abruzzesi. Il centrosinistra, che ha tenuto a cuore la nostra regione in questi anni, proporrà un modello di crescita e di sviluppo dell’Abruzzo che limiti i danni della sciatteria di questo Governo. Confidiamo che anche le forze più avvedute del centrodestra lavorino più per gli abruzzesi che per i voti di Salvini e i vuoti del M5S”.

Guarda anche

Elezioni regionali: Prc-Se “urne con la neve”, “Per Marcozzi 8 milioni sono niente. FI e M5S uniti per lo sperpero”

Pescara - “Gli esponenti di Forza Italia che dicono no all'election day dimenticano che quando erano alla guida della Regione non solo lo chiesero ma allungarono di mesi una legislatura finita. Si doveva votare a dicembre 2013 e il voto fu spostato al 25 maggio 2014. Ora fanno gli smemorati e invocano le urne con la neve” . Così Maurizio Acerbo, segretario nazionale Prc-Se Marco Fars, segretario regionale Prc-Se che si chiedono se gli avversari politici citati siano degli memorati o altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =