sabato , 20 ottobre 2018
Home » Passioni » People » Il social degli indignati si scaglia contro il comune di Montesilvano. De Martinis “falso e diffamante”

Il social degli indignati si scaglia contro il comune di Montesilvano. De Martinis “falso e diffamante”

Montesilvano – «È una vergogna». È la reazione del Vice Sindaco Ottavio De Martinis di fronte all’ennesima notizia diffamatoria diffusa attraverso i social media. «E’ una vergogna come la tecnologia che dovrebbe essere un supporto virtuoso al lavoro umano, sia invece utilizzato per diffondere notizie o completamente false e diffamanti, o la cui veridicità per pigrizia o ignoranza non sono verificate». Il fatto grave a cui il Vice Sindaco si riferisce, è quello di un post, diventato virale sul web, sul caso di un uomo ripreso seduto sulle scale con in mano un cartello con su scritto “Un po’ di elemosine ho fame. Grazie!”. Tramite Facebook viene riferito che il Comune di Montesilvano non si è adoperato per aiutare quell’uomo. Il post è stato poi taggato a molte persone e condiviso a sua volta, a tal punto che la notizia si è diffusa come un virus in tutta Italia restituendo commenti di indignazione, insulti, minacce e molto altro ancora.

«Il signore della foto è conosciuto dal Comune e dai servizi sociali. Questi ultimi hanno in carico il caso e gli hanno offerto anche aiuti concreti – continua il Vice Sindaco -. L’aspetto grave della questione è come qualcuno abbia potuto far leva sulla debolezza di uomo per sollevare un polverone mediatico del tutto gratuito. Il risultato di questa penosa messinscena, che mina la credibilità dei social network, è il danno morale che si è creato nei confronti di quella stessa persona che, forse, inconsapevolmente, non poteva immaginare quali conseguenze avrebbe prodotto l’essersi prestato a farsi fotografare. Altro danno, non secondario, è quello che la città di Montesilvano ha subito da questa becera operazione di marketing diffamatoria. Da tutta Italia stanno, infatti, arrivando commenti compulsivi e pesantemente denigratori che, rispondendo solo a bassi istinti, o non verificando quanto false siano certe notizie, puntano il dito su un’Amministrazione che non può dirsi colpevole di alcunché.

Casi come questi sono solo la punta di un iceberg. Ogni giorno l’Amministrazione è accusata di fatti che poi risultano falsi o rappresentati in maniera distorta. Usare i social media in questo modo contribuisce solo a diffondere rabbia tra la gente e distruggere dalle sue fondamenta la democrazia su cui si fonda la nostra società. L’Amministrazione ha il dovere morale, soprattutto verso i cittadini onesti che utilizzano con intelligenza certi mezzi di comunicazione, di attivarsi nelle opportune sedi per valutare le conseguenze di operazioni come queste».

Guarda anche

Violenza di genere: solidarietà alla collega Roberta Galeotti – istituzione sportello antimolestie Sga

L'Aquila  - “La cosa più difficile, per una giornalista, probabilmente è raccontare sé stessa. La collega Roberta Galeotti, direttrice del giornale online ilcapoluogo.it, ha trovato il coraggio di farlo quando, dopo più di vent'anni, si è trovata a fare i conti con il ricordo delle molestie subite all'interno degli studi di un'emittente privata aquilana, TvUno. Un'esperienza traumatica, risolta con il rifiuto nei confronti dell'uomo e con l'abbandono di quell'esperienza professionale, che era appena agli inizi” così in una nota congiunta il Direttivo Sga, Cpo Fnsi e Cpo Sga manifestano la loro solidarietà alla collega Galeotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + diciannove =