martedì , 19 febbraio 2019
Home » Passioni » Food » Torino, l’Abruzzo al Salone del Gusto

Torino, l’Abruzzo al Salone del Gusto

Pescara  – L’Abruzzo sarà presente con 13 produttori e 21 presidi e comunità del gusto, alla 12esima edizione di Terra Madre, il Salone del Gusto promosso da Slow Food, che sarà inaugurato giovedì 20 settembre al Lingotto di Torino.

La partecipazione della delegazione regionale alla rassegna, è stata presentata questa mattina a Pescara dall’assessore alle politiche agricole Dino Pepe, da Tosca Chersich, responsabile dell’Area promozione e Internazionalizzazione della Camera di Commercio Chieti-Pescara (al progetto aderiscono tutte le 3 Camere di Commercio abruzzesi), e da Eliodoro D’Orazio, presidente Slow Food Abruzzo-Molise.

“Una vetrina – ha commentato Pepe – soprattutto per i piccoli, grandi, produttori della nostra regione, che portano avanti le loro attività con impegno e sforzi notevoli, e che contribuiscono a far crescere la nostra economia grazie alle eccellenze e alle specificità dei territori che propongono sui mercati: dallo zafferano ai formaggi, dai salumi alle carni, dagli ortaggi ai vini”.

La Chersich ha invece sottolineato il valore della collaborazione interistituzionale tra Regione e sistema camerale, con l’obiettivo unico di promuovere il territorio e le sue peculiarità, non solo a livello agroalimentare, ma anche sotto il profilo turistico. Un percorso comune che vedrà altri momenti condivisi già nei prossimi mesi.

D’Orazio, infine, ha annunciato che nel corso del Salone del Gusto sarà presentata l’università diffusa di Slow Food, un progetto ambizioso, di livello internazionale, in cui “i custodi dei saperi” (a esempio un agricoltore, un casaro, un produttore biologico) metteranno a disposizione di tutti le proprie conoscenze, in una rete di tipo accademico aperta alla condivisione e al confronto.

Guarda anche

Passione pizza, indagine CNA: Abruzzo primatista nel rapporto esercizi/abitanti

PESCARA – Una pizzeria ogni 267 residenti. Va sorprendentemente all’Abruzzo il primato nazionale, tra le regioni, nel rapporto pizzerie/residenti. Lo dice una recentissima indagine, condotta dal Centro studi nazionale della CNA e da CNA Agroalimentare in occasione della Giornata mondiale della pizza, celebrata nei giorni scorsi. In questa speciale graduatoria, come illustra il rapporto diffuso dall’Ufficio stampa nazionale della confederazione artigiana, la nostra regione «precede Sardegna (un'attività ogni 273 abitanti), Calabria (285), Molise (307)» e perfino la patria d’origine della pizza, la Campania (335).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 12 =