sabato , 16 novembre 2019
Home » Culture » Turismo » Turismo: crescono in Abruzzo le presenze estive soprattutto nel teramano

Turismo: crescono in Abruzzo le presenze estive soprattutto nel teramano

Pescara – Secondo dati ancora provvisori, torna a crescere in Abruzzo il movimento turistico “estivo”. Per le statistiche illustrate dall’assessore al turismo, Giorgio D’Ignazio, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta questa mattina a Pescara, rispetto ai mesi estivi (giugno, luglio e agosto) del 2017, l’Abruzzo ha registrato un incremento di arrivi (+1,5%) e di presenze (+2,3%).

 I dati sono il frutto di un’analisi effettuata su un campione del 60% dei posti letti censiti e sono ancora sottoposti “a controlli e verifiche di congruità”.
La provincia che che ha contribuito maggiormente alla perfomance positiva è stata Teramo con +3,5% di arrivi e +2,6% di presenze. Le spiagge abruzzesi continuano ad avere un appeal positivo: crescono dello 0,9% gli arrivi e del 2,3% le presenze. Anche il sistema dei parchi naturali registra un andamento incoraggiante: rispetto al 2017 (diversi centri turistici montani sono nell’area del cratere sismico) gli arrivi hanno registrato +4,4% e +3,6% le presenze. Nella classifica nazionale, la regione Abruzzo è posizionata al 17° posto, precede l’Umbria e la Valle d’Aosta, con 6.193.473 turisti censiti nelle strutture recettive.

“Non mi appassionano i dati o le classifiche – ha osservato l’assessore al turismo Giorgio D’Ignazio – tuttavia, la nostra regione è tornata a essere appetibile dal punto di vista turistico, grazie a una offerta migliore e competitiva, dopo gli anni 2016 e 2017 caratterizzati dai noti eventi calamitosi naturali. Abbiamo messo in rete il sistema dei trasporti, partendo dall’aeroporto – ha aggiunto – e il sistema degli operatori turistici regionali al fine di pianificare strategie efficaci sul territorio per migliorare l’incoming. I risultati sono positivi”. Alla conferenza stampa hanno partecipato il direttore del Dipartimento turismo, cultura e paesaggio, Francesco Di Filippo, il responsabile dell’Ufficio osservatorio e statistica turistica, Severino Marcelli, e Ovidio Di Stefano del servizio programmazione, innovazione e competitività.

Guarda anche

Aeroporto d’Abruzzo, Marcozzi (M5S) “stanziato un milione e mezzo ma nessun bando per selezionare le compagnie”

Pescara - “La lentezza dell'amministrazione del centro destra espone l'Abruzzo al rischio di subire enormi danni economici. L'ultimo caso riguarda direttamente sia il settore turistico che quello produttivo della nostra regione. Abbiamo scoperto infatti che non è stato ancora predisposto il bando di gara relativo al milione e mezzo di euro, stanziato nel mese di agosto, per selezionare compagnie aree nazionali e internazionali da far atterrare all'Aeroporto d'Abruzzo. Una mancanza grave, che se non tamponata in tempi stretti porterà le aziende a scegliere altri aeroporti per il nostro scalo, portando altrove i loro piani industriali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 9 =