giovedì , 17 gennaio 2019
Home » Polis » Città » Montesilvano colle, tornano i falconieri per allontanare i piccioni

Montesilvano colle, tornano i falconieri per allontanare i piccioni

Montesilvano – Tornano le poiane a Montesilvano colle. A due settimane dal primo intervento, i falconieri della Hawk Sevice Bird Control di Sulmona hanno riportato nel borgo i rapaci del loro allevamento per allontanare i piccioni presenti nel centro storico. La presenza di falchi e poiane, infatti, crea una situazione di stress per i piccioni, rendendo l’ambiente inospitale.

«Abbiamo individuato questa progettualità – sostiene l’assessore Valter Cozzi – per risolvere un problema che crea fastidio oltre che causa rischi igienico sanitari. La presenza di poiane e falchi ammaestrati rappresenta una soluzione ecosostenibile e non cruenta allo stanziamento dei piccioni il cui guano danneggia anche le superfici di monumenti e palazzi storici di cui peraltro il colle è particolarmente ricco. L’obiettivo è quello di usare questa pratica, ovviamente, anche in altre zone di Montesilvano. La Hawk Service Bird Control – annuncia Cozzi – si è resa disponibile anche per fare incontri didattici nelle scuole su questi splendidi rapaci».

Come già accaduto nella prima uscita, i due falconieri, Alessandra Giampaolo e Gabriele Simonelli, hanno perlustrato le vie del borgo portando con sé delle poiane. Attraverso una specie di simulazione di caccia, che risulta molto realistica per la colonia da allontanare, i piccioni, posti sotto stress dalla presenza dei rapaci predatori, percepiscono il luogo dove fino a quel momento si sono stanziati come inospitale, scegliendo così di allontanarsi. I passaggi con i rapaci sono stati preceduti da una fase di chiusura di tutti i varchi e i nascondigli nei quali i piccioni si sarebbero potuti rintanare.

Guarda anche

Pescara, al via sondaggi per la riqualificazione della stele dannunziana

Presentazione dell’incarico di progettazione della stele dannunziana: al via le indagini sullo stato.  Blasioli e Marchegiani: “Ci sono 270.000 euro per intervenire, i lavori potrebbero partire già entro l’estate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 1 =